Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Mercato turistico

Turismo green? Un'opportunità di crescita per le strutture ricettive

Da una ricerca Barometro l'approccio 'verde' del comparto viaggi è un'occasione. Il 51% del campione riconosce le strutture alberghiere come attente all'ambiente se usano energie rinnovabili, ma notano la poca pubblicità sui portali dedicati.

» Mercato turistico Emanuele Dorru - 15/05/2012
Fonte: Immagine dal web

Turisti sempre più attenti ed interessati all'impatto ambientale dei loro viaggi, tanto da riconoscere queste caratteristiche come un fattore di crescita per l'intero comparto. Ne è convinto il 48,6 per cento degli italiani mentre per il 40,7 per cento si tratta di un bisogno. Ecco perché è estremamente importante per il mondo della ricezione alberghiera iniziare a guardare sempre più, o a migliorare, l'impegno verso la tutela dell'ambiente. A tracciare l'andamento del fenomeno, ci ha pensato una ricerca realizzata dall'Istituto Barometro presentata nei giorni scorsi in occasione del convegno 'Turismo Verde e Alberghi, costi e benefici della green economy' organizzato da Federalberghi e Provincia di Roma. Dall'indagine emerge, inoltre, che il 68,2 per cento degli italiani sceglierebbe un albergo ecologico solo a parità di prezzo anche se, nonostante il parere favorevole di buona parte del campione, il 62,5 per centodichiara di non informarsi sul grado di attenzione all'ambiente della struttura turistica.

I FATORI DETERMINANTI DI UNA SCELTA 'GREEN'.
Per gli italiani la scelta di un albergo o B&B eco, dipende in primo luogo dall'uso di energie rinnovabili, seguito dalla presenza di menù locali e biologici, bioarchitettura e risparmio energetico. Tutto questo, però, secondo la maggior parte del campione è poco o per nulla pubblicizzato nei portali italiani on-line, mentre all'estero sono tra le informazioni principali comunicate nella homepage dei siti. "In mercati maturi come quello europeo e nordamericano - ha spiegato Tommaso Tanzilli, direttore di Federalberghi Roma - c'è sempre più attenzione alla componente green: molti tour operator ad esempio non firmano contratti senza questo fattore, oltre che ambientale è un esigenza commerciale".



PANELLA: "AD ENERGIA E AMBIENTE AFFIANCARE IDENTITÀ SOCIO-CULTURALE DEL LUOGO". L'attenzione all'ambiente risulta quindi fondamentale per diversi aspetti, come ha spiegato il vicepresidente dell'Unione Province Italiane (Upi) Lazio, Renato Panella: "Da un lato ci sono vantaggi di costo legati all'eco-efficienza, con la riduzione dei consumi di acqua, gas ed energia si ottiene un vero e proprio risparmio economico, mentre, dall'altro, c'è la pubblicità derivante dall'impostazione green hotel che si può rivelare un fattore di scelta a volte anche discriminante"'. Secondo Panella, inoltre, ai temi dell'energia e dell'ambiente "si deve affiancare una generale riduzione di qualsiasi spreco, un uso ottimale delle risorse energetiche ed ambientali ed il rispetto dell'identità socioculturale del luogo". "In un posto come Roma, per intenderci, la conservazione del patrimonio culturale materiale e immateriale deve accompagnarsi alla promozione dei prodotti biologici locali e nel quadro di una eno-gastronomia di qualità, basata sulla tradizione. Tutti elementi in grado di accogliere un turismo ecologico in forte ascesa'".




TURISMO 'GREEN', ISTRUZIONI PER L'USO.
 Va da sé che l'approccio green per il settore del turismo è un'occasione economica che, nello specifico, per un albergo si traduce in una corretta gestione ambientale ed energetica deve, ad esempio: avere una certificazione ambientale tra quelle riconosciute a livello internazionale, come Iso 14001, Emas o Ecolabel; utilizzare prevalentemente energia proveniente da fonti rinnovabili, attrezzature ad alta efficienza energetica e sistemi di spegnimento automatico della luce e della climatizzazione; risparmiare acqua applicando diffusori a rubinetti e docce e utilizzare wc con il doppio scarico, disporre di elettrodomestici ad alta efficienza, trattare le acque di scarico per renderle meno inquinanti, ridurre i consumi di acqua e di prodotti chimici nei lavaggi della biancheria.



RICICLO DEI RIFIUTI, KM ZERO E FORMAZIONE DEL PERSONALE. 
Non solo: la struttura ricettiva deve applicare una raccolta differenziata dei rifiuti molto attenta, curando il trattamento e lo smaltimento degli imballaggi, riducendo al massimo l'utilizzo di prodotti usa-e-getta e favorendo il riciclo dei materiali; tenere a disposizione degli ospiti biciclette o altri mezzi ecologici, e fornire corrette informazioni sull'uso del trasporto pubblico. In un luogo che rispetti tutte queste caratteristiche, il turista cerca naturalmente una ristorazione adeguata. Un hotel 'green' non può certo prescindere dall'utilizzo di prodotti alimentari biologici e biodinamici, dall'adozione di prodotti enogastronomici locali e dalla preferenza degli alimenti 'a km zero'. Ultimo, ma non meno importante, dalla ricerca emerge l'importanza della formazione dedicata al personale, che deve essere sensibilizzato alla riduzione dei consumi nello svolgimento del proprio lavoro: dagli uffici amministrativi alle sale convegni, fino alla manutenzione delle stanze, per puntare su bassi consumi energetici e su una rigorosa manutenzione di impianti e attrezzature.

ECO-TURISMO, PAROLA D’ORDINE "SOSTENIBILITÀ". Se, quindi, come dimostrato dall'indagine Barometro, è questa la via scelta da molti turisti, le istituzioni di settore devono necessariamente individuare e analizzare opportunità e investimenti necessari per "un'ospitalità in grado di proporre sostenibilità ed etica ambientale", fortemente proiettate verso un flusso turismo ecologico in forte ascesa". Tra le prime indicazioni da seguire, secondo Renato Panella, sicuramente "una generale riduzione di qualsiasi spreco, un uso ottimale delle risorse energetiche ed ambientali ed il rispetto dell'identità socioculturale del luogo".

L'IMPEGNO DI FEDERALBERGHI SULLE OPPORTUNITÀ DI CRESCITA E INNOVAZIONE. Oltre a valutare proposte di ricerche ed incontri per informare gli associati, i tour operator, le agenzie di viaggi e le associazioni di consumatori sui costi e benefici che possono derivare dalla green economy e dagli obblighi di risparmio energetico, Federalberghi Roma ha lanciato iniziative come il 'Green Hotel of the Year'. "Il premio -  ha spiega il direttore dell'associazione Tommaso Tanzilli - è riservato agli alberghi associati che abbiano intrapreso iniziative volte a ridurre il proprio impatto sull'ambiente adottando una politica operativa ispirata ai principi di massima sostenibilità".

MATERIALI
- Ricerca Barometro sulla sensibilità del mercato turistico rispetto la 'green economy'