Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Cronaca Viaggi e Turismo

'Taste of Roma': l'eccellenza e la passione dei grandi Chef per il rilancio dell'Italia

In arrivo nella Capitale la prima edizione del più noto evento mondiale Taste Festival. Una kermesse che fonderà insieme gusto, olfatto e udito. Dorigo: "Nel nostro Paese l'enogastronomia è una grande risorsa che va valorizzata"

» Cronaca Viaggi e Turismo Vito Tripi - 28/06/2012
Titolo: Edizione Taste of Milano 2011
Fonte: www.tastefestivals.com

"Italiano, spaghetti, mandolino e pizza!": per anni i paesi esteri hanno si sono rivolti all’Italia con questa espressione, un po’ stereotipata e superficiale. Anche se, a ben guardare, in questa accozzaglia di parole sono racchiuse sicuramente due essenze della tradizione del Bel Paese, quella musicale e quella enogastronomica. Nei secoli passati, infatti, nelle corti dei potenti d'Europa, cuochi e profumieri erano alla stregua di pittori, scultori e musicisti affinché tutti e cinque i sensi fossero appagati.

Oggi, il rilancio dell'Italia attraverso la valorizzazione del gusto e dell'olfatto come "sensi nobili", trova una nuova realtà con il Taste Festival, kermesse ideata dalla multinazionale britannica Brand Events che ne ha lanciato la prima edizione proprio a Londra nel 2004 nella suggestiva cornice di Somerset House, nel cuore del West End. Da allora il Taste Festival si è arricchita di così tante esperienze enogastronomiche importanti, che nel 2006 la Brand Events decide di trasformare l'evento in un format esportabile e adattabile a diversi mercati. Nel 2007 l'espansione globale-itinerante di questa kermesse che tocca, oggi, dodici Paesi (trai quali anche Milano) sparsi per il mondo ai quali si aggiungerà il prossimo settembre anche l'Italia.



[Fonte: www.tasteofmilano.it]

Così, dopo tre edizioni di grande successo a Milano, il 'Taste Festival' arriva nella Capitale con 'Taste of Roma', dal 20 al 23 settembre presso i Giardini pensili dell'Auditorium Parco della Musica. Quattro giorni di incontri con gli chef, degustazioni di alta cucina, brindisi con i migliori vini doc italiani e tanto divertimento. Il tutto con l'obiettivo di creare un evento che celebri l'eccellenza e la varietà della ristorazione della città di Roma ed il talento degli chef più rappresentativi in un contesto piacevole e divertente, quindi in esterno, in cui fosse protagonista la passione per l'enogastronomia di qualità e per l'alta cucina. 

A fronteggiarsi per quattro giorni, dodici fra i migliori ristoranti della città con i loro grandi chef per la prima volta insieme a proporre per tutti gli appassionati della buona tavola un'esperienza gourmet assolutamente unica, insieme ad oltre sessanta produttori e aziende che offriranno una selezione di prodotti e degustazioni di prodotti tipici. Per quanti tra appassionati e semplici curiosi vorranno scoprire, invece, i segreti della grande cucina, l'appuntamento è ai fornelli accanto ai dodici chef che metteranno a disposizione tutta la loro maestria in appuntamenti di showcooking e corsi di cucina.

[Fonte: www.tasteofmilano.it]

"Per questa manifestazione abbiamo coinvolto alcuni dei migliori chef della città ed avremo una squadra motivata ed affiatata composta da seri professionisti che per quattro giorni lavoreranno per il nostro pubblico in una particolare 'cornice' che ci consentirà di allestire in un contesto unico la prima edizione del nostro festival in grande stile". "Si andrà dalla tradizionale cucina italiana - aggiunge la Brand Events - a quella tipica romana e regionale, con sconfinamenti nella cucina creativa e sperimentale: un parco giochi del gusto, un pic-nic di lusso dove divertirsi spostandosi da un ristorante all'altro, un ambiente informale in cui gustare i piatti particolari".

Già palcoscenico internazionale per cinema, musica e cultura, Roma diventerà così anche capitale del gusto e del buon convivio. 'Taste of Roma' sarà la vetrina della ristorazione romana d'eccellenza ed il Parco della Musica lo scenario che ospiterà gli chef che meglio la rappresentano. "L'idea di ospitare nella Capitale la manifestazione - ricorda l'amministratore delegato di Brand Events, Carlo Fuortes - è nata circa 5 anni fa, quando Musica per Roma portò il meglio del jazz italiano all'interno di Taste of London". "Per questo siamo orgogliosi di proporre la prima edizione di Taste of Roma - afferma Silvia Dorigo, Amministratore Delegato della multinazionale inglese - proprio qui al Parco della Musica di Roma". Ma per avere qualche altra notizia sfiziosa NanniMagazine.it ha rivolto qualche domanda a Mario Dorigo, uno degli organizzatori dell'evento: 


[Fonte: www.tasteofmilano.it]

Dorigo, 'Taste of Roma' è un'iniziativa che vuole unire più di una sfera sensoriale per un viaggio decisamente particolare?
"Assolutamente sì! Qui all'Auditorium, il luogo consacrato all'udito, dove di solito si celebrano grandi concerti, per quattro giorni daremo l'opportunità al pubblico di assaporare sapori e odori, unici, delle sfiziose pietanze preparate da dodici grandi chef".


[Alcuni degli Chef romani che parteciperanno alla prima edizione di Taste of Roma]

Quindi un modo soprattutto per rilanciare il turismo enogastronomico che è da sempre uno dei punti forti della tradizione italiana:
"Certo. Vede, nel nostro paese ci stiamo accorgendo sempre più che l'enogastronomia può, e deve essere, una risorsa importante. Quindi la scelta di Roma come nuova location per questo evento è più che mai adeguata considerando che essa è una città che vive molto del turismo storico ed artistico, ma è necessario far conoscere anche la sua grande tradizione culinaria che deve essere comunicata soprattutto agli stranieri e che, assolutamente, deve corrispondere ad un messaggio di qualità".

'Taste of Roma' arriva in un momento in cui l'Italia è spesso ripresa dall'UE con normative severe che, a volte, danneggiano il settore dell'enogastronomia:
"Appunto, dobbiamo cercare di difendere i nostri prodotti nazionali. Ecco il perché della collaborazione con Coldiretti, che è nata a Milano durante l'edizione appena conclusa lo scorso maggio, ma che continuerà con l'edizione romana per diffondere la cultura del prodotto italico. Di contro ci sarà un'ampia apertura mentale, una voglia di comprendere le specificità gastronomiche degli altri, come lo champagne o i formaggi svizzeri e altri prodotti stranieri, senza però dimenticare le nostre origini e i prodotti di qualità che abbiamo nel nostro territorio".
 

I DODICI RISTORANTI E GLI CHEF CHE PARTEDICEPRANNO AL 'TASTE OF ROMA'

1. Acquolina Hostaria in Roma (chef: Giulio Terrinoni)
2. Agata e Romeo (Agata Parisella)
3. All'Oro (Riccardo Di Giacinto)
4. Giuda Ballerino (Andrea Fusco)
5. Glass Hostaria (Cristina Bowerman)
6. Il Convivio Troiani (Angelo Troiani)
7. Il Pagliaccio (Anthony Genovese)
8. Imago - Hassler Hotel (Francesco Apreda)
9. L'Arcangelo (Arcangelo Dandini)
10. Magnolia - Jumeirah Grand Hotel (Kotaro Noda)
11. Pipero al Rex (Luciano Monosilio)
12. il dodicesimo chef sarà una sorpresa.

INFORMAZIONI
Titolo: 'Tatse of Roma'
Quando: 20-23 settembre 2012
Dove: Auditorium Parco della Musica, Giardini pensili
Orari: 7 eventi in 4 giorni tra cui scegliere
Ingresso: 16 euro, con cui si potranno fare assaggi, degustare vini, partecipare a corsi di cucina, ma soprattutto, a pranzo e a cena, provare una delle tre specialità che proporrà ogni ristorante, studiate in formato antipasto-assaggio ('taste' appunto) maggiormente rappresentativi della propria filosofia culinaria e che promuovono ingredienti locali e stagionali, con una spesa che andrà dai 4 ai 6 euro (da pagare in sesterzi, la moneta che avrà corso normale in quei giorni a Taste of Roma).
Siti web: www.tasteofroma.it / www.tastefestivals.com