Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Cronaca Viaggi e Turismo

Lampedusa, da terra di confine a meta turistica in cerca di riscatto

Un rilancio che parta dall'unica forma ricettiva possibile e che coinvolga appieno gli imprenditori locali. Questi gli strumenti individuati da Confindustria Sicilia per sviluppare offerta, servizi e competitività nel comparto…In attesa dell'Expo 2015

» Cronaca Viaggi e Turismo Redazione/GP - 25/06/2014
Titolo: Uno scorcio dell'isola di Lampedusa
Fonte: Immagine dal web

"Questa Isola subisce, è stata condannata a essere luogo di confine. Io sono testardamente impegnata a rovesciare questo destino": il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, non ha dubbi, per rilanciare l'isola al largo della Sicilia, occorrono un grande impegno e tanta tenacia. "L'unico strumento che ho a disposizione per ribaltare questo concetto è il racconto della verità. Nessuna rete, sociale o d'impresa, può esserci - ha proseguito il primo cittadino - se non cominciamo a indossare occhiali diversi per guardare il mondo e a far capire che Lampedusa è un luogo che sa esprimere formidabili attrattori turistici".

L'occasione per puntare i riflettori sull’attuale condizione dell'isola è stata il convegno, nei giorni scorsi, 'Lampedusa: riscatto e rilancio turistico di una perla del Mediterraneo', un momento di incontro e confronto con le istituzioni sugli strumenti utili di potenziamento dell’offerta e del rilancio turistico. Un approfondimento particolare è stato rivolto al ruolo delle reti di impresa come strumento in grado di sviluppare un sistema integrato, capace di agevolare la competitività delle aziende a vocazione turistica. "Il Contratto di rete rappresenta lo strumento che permette al territorio di competere sui mercati dell'offerta turistica - ha detto Antonio Siracusa, delegato di Confindustria Centro Sicilia - valorizzando le potenzialità a volte inespresse di un comparto della nostra economia". "È auspicabile che il Governo regionale, anche attraverso la nuova programmazione comunitaria, preveda - ha aggiunto - misure che favoriscano l'utilizzo del contratto di rete".



TURISMO SOSTENIBILE IL MERCATO DA CUI RIPARTIRE. Ma su cosa puntare per il rilancio turistico di una delle perle del Mediterraneo? Sicuramente sul turismo sostenibile. "Una grande opportunità di rilancio per l'economia di Lampedusa, unicità del territorio e le enormi potenzialità dell'isola costituiscono la base per la creazione di una dinamica rete di imprese e, quindi, per un turismo di livello", ha sottolineato il componente del Consiglio direttivo Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo, Vincenzo Brignone. Ecco perché in questa prospettiva di rilancio, "integrazione  e collaborazione tra governo centrale, amministrazioni periferiche e imprese locali si pongono come elementi strategici per contrapporre alla crisi ottimismo e progettualità concreta, per sciogliere i nodi strutturali che bloccano lo sviluppo produttivo dell'isola e puntare quindi sull’unica forma di turismo possibile: il turismo sostenibile".



UN RILANCIO TURISTICO A MISURA D'IMPRESA. La parte del leone nel riscatto e nel rilancio turistico di un’intera isola, verrà dalle imprese siciliane, un modello di sviluppo che secondo tutti gli attori istituzionali, va sostenuto e incentivato. "In questo senso, l'imprenditoria siciliana - ha ricordato il dirigente generale del dipartimento regionale Attività Produttive, Alessandro Ferrara - ha già saputo dimostrare in passato grandi potenzialità e capacità di crescita dell'economia locale attraverso il ricorso ai distretti e alle altre forme di aggregazione tra imprese". "Il contratto di rete è stato posto al centro delle prossime politiche di promozione e incentivazione regionali e - ha chiosato Ferrara - del nuovo ciclo di programmazione dei fondi europei, che è oramai in fase di definizione".

D'ALVIA: "LA RETE PUÒ FAVORIRE LA CRESCITA DEL SETTORE TURISTICO". "Siamo convinti che le imprese turistiche possano ottenere grandi e nuovi benefici facendo massa critica attraverso il contratto di rete - ha concluso Fulvio D'Alvia, direttore di RetImpresa Confindustria -. Soprattutto in questa isola dalle enormi potenzialità e ricca di tradizione, le reti possono essere l'intuizione di sviluppo del territorio attraverso l'integrazione del settore del turismo con quelli della cultura, dell'artigianato, della pesca e dell'agroalimentare, in un'ottica di sistema che valorizzi tutta la filiera del made in Italy". "La rete può favorire la crescita del settore turistico, che già vale circa il 10 per cento del Pil nazionale; sono, infatti, più di 1.500 i contratti di rete in Italia e più di 50 quelli che riguardano il settore turistico con 116 aziende coinvolte. La rete fra imprese è indubbiamente una valida strada da percorrere per contribuire al rilancio di Lampedusa".

LINK
- Sito del Comune di Lampedusa e Linosa