Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Cronaca Viaggi e Turismo

Italiani e Crisi: in vacanza con il prestito

Mentre qualcuno rosicchia gli esigui risparmi, c'è chi alle ferie non rinuncia a nessun costo. Anche a quello che vede lievitare interessi per un prestito ad hoc.

» Cronaca Viaggi e Turismo Paola Simonetti - 21/06/2011
Fonte: Immagine dal web

In Italia, con la crisi, i cittadini danno fondo a uno dei beni 'rifugio' per eccellenza: chi ha investito nell'oro, adesso batte cassa. E qualche volta lo fa incautamente, rivendendo i propri preziosi nei negozi 'compro oro' che ormai dilagano in ogni città. A farne ricorso sono sempre più persone, come denunciano Federconsumatori e Adusbef, che mettono in guardia dalle bieche speculazioni, non rare nel settore, stando alle segnalazioni giunte agli sportelli delle organizzazioni [1].

POTERE D'ACQUISTO IN ROSSO. "Il potere di acquisto delle famiglie, come dimostrano tutti i principali indicatori economici, è in drastico calo e, con esso – segnalano le due organizzazioni in difesa dei consumatori -, diminuisce il benessere e la fiducia dei cittadini". Le famiglie, dunque, si vedono costrette a "tagliare sui consumi, sulla spesa alimentare, sulle vacanze, e si riduce fortemente il risparmio", oltre a essere costretti a vendere i propri gioielli, "spesso ricordi di famiglia o simboli affettivi".

FERIE CON GLI 'INTERESSI'. Mentre una parte del Paese rosicchia il poco messo da parte a fatica, un'altra fetta di italiani si indebita per andare in ferie. Chi non potrebbe permettersi lunghe vacanze o destinazioni esotiche ricorre ai finanziamenti. Lo rivela l'analisi diffusa da Prestiti.it, il portale che mette a confronto le offerte di prestiti personali di banche e finanziarie: nel corso dello scorso anno oltre 35mila italiani hanno richiesto un finanziamento per andare in vacanza. Un fenomeno che, secondo gli analisti, si colloca all'interno di un contesto di abitudine a gestire il credito al consumo. 

IL PROFILO DI CHI CHIEDE IL PRESTITO. L'indagine di Prestiti.it rivela che chi si accosta al prestito per ferie ha un'età media di 40 anni, cerca un finanziamento di poco meno di 7mila euro e pianifica un piano di rimborso della durata di 39 mesi, vale a dire poco più di tre anni.

SCARSE DIFFERENZE DI GENERE. Poche le distinzioni tra uomini e donne, sostanzialmente i due sessi dimostrano lo stesso atteggiamento di fronte a un prestito viaggi: l'unica differenza è riscontrabile nell'ammontare richiesto, in media gli uomini chiedono poco più di 8mila euro, contro i quasi 7mila delle donne.

CURIOSE DIVERSITÀ REGIONALI. Piuttosto singolari le differenze regionali: è infatti proprio fra le zone meridionali (quelle che vantano luoghi vacanzieri fra i più belli del mondo) che sembrano provenire le richieste più elevate: quasi 10mila euro per i siciliani, oltre 8mila 500 per calabresi e sardi. Per loro il viaggio esotico o la meta oltreoceano sembrano desideri irrinunciabili. La prima Regione del Nord è il Friuli-Venezia Giulia, quarta con i suoi 8mila euro medi di finanziamento.

LE REGIONI PIÙ OCULATE. Le zone più oculate, in cui si richiedono finanziamenti minori, sono invece al Centro-Sud: sotto la media nazionale troviamo le Marche (4mila 500 euro), l'Abruzzo (4mila 600 euro) e l'Umbria (4mila 900 euro). "Il viaggio rappresenta un bisogno vero e proprio per gli italiani - dice Marco Giorgi di Prestiti.it - e con l'arrivo dell'estate registriamo un aumento rilevante di richieste di questo tipo: +27 per cento da aprile a oggi. Evidentemente, sono sempre di più i cittadini che preferiscono pianificarne il pagamento attraverso un prestito personale, che rende indolore la spesa diluendola sul lungo periodo".


MATERIALE
[1] Come evitare gli inganni di chi compra oro (pdf)


LINK
- Prestiti.it 
- Adusbef
- Federconsumatori