Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Cronaca Viaggi e Turismo

Turismo itinerante: Sanremo, è scontro tra il Comune e il popolo dei camperisti

Nella famosa localita' della Riviera ligure si annunciano tempi duri per i camperisti: con un'ordinanza, il sindaco vuole vietare la sosta ai caravan. Ma le associazioni di categoria ribattono: "E' illegale".

» Cronaca Viaggi e Turismo Ester Trevisan - 19/01/2010
Fonte: www.camperlife.it

Amica della canzone italiana e dei fiori, ma acerrima nemica dei camperisti. Sanremo, la localita' della Riviera Ligure resa celebre dal Festival che ogni anno va in scena sul palco del teatro Ariston e dalla sua intensa attivita' florovivaistica, adesso potrebbe 'conquistare' un altro punto a favore per la sua notorieta'. In seguito a un'ordinanza annunciata dal sindaco Maurizio Zoccarato, infatti, il comune potrebbe diventare off limits per i camperisti. 

Il documento, i cui contenuti sono stati annunciati dal primo cittadino subito dopo la pausa natalizia, vieta di dormire nelle automobili e, di conseguenza, a bordo di qualsiasi mezzo a quattro ruote, compresi i camper, che durante le festivita' natalizie e di fine anno hanno affollato la citta'. 

Che questo tipo di turismo all'aria aperta non avrebbe trovato spazio nell'agenda politica di Zoccarato, era chiaro sin dal suo insediamento avvenuto nel giugno dello scorso anno: una delle prime dichiarazioni rilasciate dopo l'elezione riguardava proprio il popolo dei camperisti, accusato di non portare soldi all'economia cittadina. Un concetto che il sindaco sanremese ha ribadito senza mezzi termini annunciando l'ordinanza: "Non è questo il turismo che ci interessa", ha detto, sottolineando poi che per i camper sara' trovata un'altra sistemazione. "Abbiamo gia' pensato a valle Armea, la zona industriale della citta', - ha spiegato - oppure alle zone di monte Bignone e San Romolo. Per ospitare i camper, riteniamo più adatte cittadine come Diano Marina o Bordighera, ma non certo Sanremo". 

Una presa di posizione cosi' dura non poteva certamente lasciare indifferente chi del camper ha fatto una vera e propria filosofia di vita: "Sembra quasi uno scherzo, un pesce d'aprile - ha commentato Pier Luigi Ciolli dell'Associazione nazionale coordinamento camperisti - evidentemente chi consiglia il sindaco sui temi della circolazione stradale è rimasto fermo al 1990". "Infatti - ha proseguito - basta consultare il Codice della strada emanato nel 1992, tuttora in vigore e che per noi rappresenta la bibbia, per capire subito che questa ordinanza è illegittima, perche' viola quanto stabilito dall'articolo 185. Se il provvedimento entrera' davvero in vigore - ha chiarito Ciolli - presenteremo ricorso straordinario al Presidente della Repubblica e istanza alla Procura generale della Corte dei Conti". 

Anche Rodolfo Bartoletti, segretario generale di Promocamp, associazione degli imprenditori del turismo all'aria aperta, definisce "palesemente illegittima" l'ordinanza annunciata da Zoccarato: "Purtroppo - spiega - quello di Sanremo non è un caso isolato: molti sindaci sono coscienti del fatto che provvedimenti del genere si pongono in contrasto con le normative, ma sanno anche bene che i tempi dei ricorsi sono molto lunghi. E cosi' emettono queste ordinanze prima dei periodi di alta stagione per poi ritirarle soltanto quando, dopo una lunga attesa, arriva la sentenza che le dichiara illegittime". 

"Ma non è questo il modo di amministrare un territorio - afferma ancora Bartoletti - Il sindaco, proprio per il ruolo che riveste, deve essere il primo a rispettare le leggi e a garantire l'esercizio libero delle attivita' consentite ai cittadini. E poi, se afferma che il suo comune non è interessato al turismo itinerante, significa che non lo conosce e che, probabilmente, è sollecitato da qualche albergatore con una mentalita' un po' chiusa". "Al sindaco Zoccarato, invece - conclude il segretario generale di Promocamp - proponiamo di aprire un dialogo costruttivo con i soggetti interessati per trovare insieme soluzioni condivise. La nostra associazione è sempre a disposizione delle amministrazioni locali, perche' non vogliamo che ci sia ostilita' nei confronti di questo tipo di turismo".

LINK
- Articolo 185 del Codice della strada
- Associazione imprenditori del turismo all'aria aperta