Sport e Viaggi » Sport » Calcio

Calcio, Maroni: "UnaTessera del tifoso per il tifoso"

Lo scorso 21 giugno il ministro dell'Interno ha siglato un protocollo d'intesa con il presidente della Figc, Giancarlo Abete e rappresentanti di Coni, Lega Serie A, Lega Serie B e Lega Pro, per la stagione calcistica 2011/2012.

» Calcio Redazione/GP - 30/06/2011
Titolo: Foto di Luca Vez
Fonte: Flickr Common License

Una Tessera del tifoso per abbonamenti e trasferte. È quanto prevede il protocollo d'intesa "Una tessera del tifoso per il tifoso" siglato il 21 giugno 2011 dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, dal presidente della Figc, Giancarlo Abete e da rappresentanti di Coni, Lega Serie A, Lega Serie B e Lega Pro, per la stagione calcistica 2011/2012. Si tratta dell'ultimo atto di un percorso avviato nelle scorse stagioni. 

"Per arrivare a una politica della sicurezza bisogna porre attenzione a quei tifosi che danno lustro allo sport, cioè quelli che rispettano le regole e apprezzano i valori della legalità". È quanto si legge nel comunicato stampa dell'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive che nel maggio del 2008 ha approvato l'utilizzo della Tessera del Tifoso, strumento nato al fine di fidelizzare il cliente e "promuovere un modello che prevede la formazione da parte delle società calcistiche di una tifoseria/clientela della quale potersi rendere garante". 

"I tifosi hanno compreso - ha precisato il ministro dell'interno Roberto Maroni - che lo strumento della tessera non è uno strumento di polizia ma di fidelizzazione dei supporters al proprio club". La testimonianza viene dai 24mila 342 spettatori di media per ogni giornata di campionato, con un aumento dello 0.9 per cento rispetto alla stagione precedente, ma soprattutto dalla diminuzione del numero dei feriti, l'81 per cento tra le Forze di Polizia ed il 58 per cento tra i civili, rispetto al campionato 2005/2006. Tutto ciò riduce del 35 per cento il personale delle Forze dell'Ordine impiegato.

Questo strumento dà diritto a una serie di facilitazioni, privilegi e benefici "sia nell'acquisto dei tagliandi che nell'accesso a tutti i servizi che si connettono ad un evento calcistico. Il progetto, partito nella sua fase sperimentale nella stagione 2009/2010, è entrato a regime in quella 2010/2011. Il ministro Maroni, con direttiva del 16 dicembre 2009, ha spostato il termine della obbligatorietà della tessera dal 1 gennaio 2010 all'inizio del campionato successivo e il 5 luglio 2010 sono state emanate dall'Osservatorio, con parere favorevole dell'Autorità Garante della Privacy, le Linee guida per gli addetti ai lavori. 

"La tessera del tifoso - ha aggiunto il ministro - porterà a poco a poco all'eliminazione di gabbie e recinzioni negli impianti sportivi". Il protocollo prevede anche l'istituzione, presso le società calcistiche, uffici, sportelli, e portali web denominati 'Dipartimenti dei tifosi', "atti a favorire una corretta informazione e per l'adozione di iniziative promozionali coordinate centralmente dalla Lega - rende noto l'Osservatorio - e la costituzione di unità organizzative che cureranno i rapporti tra società e tifosi", nonché un tavolo di confronto con l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive.

Entro il 30 luglio 2011 l'Osservatorio raccoglierà osservazioni e proposte e valuterà le esigenze di revisione del programma, al fine di renderlo più rispondente alle esigenze delle tifoserie. La tessera del tifoso è valida in tutti gli stadi senza distinzione tra i vari campionati nazionali, rientra tra le agevolazioni di cui all'art. 8 del dl 8 febbraio 2007, n. 8, convertito dalla legge del 4 aprile 2007, n.41, ed è rilasciata nel rispetto delle procedure previste dal decreto ministeriale del 15 agosto 2009.


I vantaggi della Tessera del tifoso:

- Agevola l'acquisto dei titoli di accesso (può servire per la lettura elettronica dei dati personali del titolare ed è utilizzabile dal rivenditore per verificare l'identità dell'acquirente);

- Snellisce le procedure di accesso allo stadio (ogni impianto sportivo avrà corsie dedicate ai titolari della tessera, che potrà essere utilizzata anche per verificare la corrispondenza della titolarità del biglietto con il portatore);

- Esenta dalle specifiche restrizioni che potrebbero essere imposte per motivi di ordine pubblico per le partite sia in casa che in trasferta (per tutte le partite giocate in Italia);

- Dà accesso a tutte le facilitazioni, privilegi e/o benefici che ciascuna società sportiva proporrà ai propri clienti, previa esplicita adesione ai programmi/servizi forniti da società partner;

- Rende il tifoso protagonista della propria sicurezza (con la tessera si entra in una comunità privilegiata di sostenitori ufficiali che aderisce ai valori dello sport e rivendica la passione per il calcio).


"UNA TESSERA DEL TIFOSO PER IL TIFOSO". Il Protocollo di intesa siglato dal ministro Maroni prevede nuove disposizioni per gli acquisti dei biglietti per il settore ospiti. I biglietti per i posti destinati ai sostenitori della squadra ospite potranno essere acquistati solo dai possessori delle tessera del tifoso e non potranno essere venduti a chi risiede nella regione che origina la trasferta o, nel caso di squadre della stessa regione, ai residenti nella provincia dalla quale proviene la squadra ospite. Solo se le società sono nelle condizioni di riservare posti nello stadio a tifosi ospiti senza tessera, dovranno farne richiesta all'Osservatorio sulle manifestazioni sportive ed indicare le misure organizzative che intendono adottare (maggiori numero di steward, individuazione di un settore adeguatamente separato da quelli destinati ai tifosi locali, percorsi che evitino possibilità di incroci tra le tifoserie). Senza tessera non sarà possibile acquistare nessun tipo di abbonamento, neanche quelli per specifici pacchetti di gare.


MATERIALE
- Le domande più frequenti sulla Tessera del tifoso (ministero dell'Interno)
- Procedura per il rilascio Tessera del tifoso (Osservatorio Nazionale Manifestazioni Sportive)


LINK
- La tessera del tifoso sul sito del ministero Interno
- Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive