Sport e Viaggi » Sport » Calcio

Italia-Inghilterra: Milner cauto su Balotelli. "È un talento, ma può creare tanti problemi"

Nella prossima partita i due compagni di squadra al Manchester City Hart si troveranno davanti, anche per Rooney la vera minaccia viene da Andrea Pirlo. Hodgson: "L'Italia ha avuto la bravura di avere la meglio su un gruppo molto difficile"

» Calcio Emanuele Dorru - 21/06/2012
Fonte: Sky Sport

Italia-Inghilterra, una sfida speciale con sorpresa. A tre giorni dai quarti di finale degli europei a Kiev, infatti, Mario Balotelli si troverà davanti due giocatore del Manchester City Hart, Patrick Lescott e James Milner. Proprio quest'ultimo intervistato dall'emittente britannica BBC, ha detto di non sapere quale versione di Mario Balotelli vedrà scendere in campo domenica sera. "Ci sono due Mario - ha detto Milner -. Uno è quello a volte si presenta agli allenamenti svogliato e disinteressato, l'altro è quello che esprime il meglio di sé ed è un talento speciale". Il fatto di non riuscire a prevedere quale dei due lati super Mario deciderà di mostrare in partita, dunque, rappresenta una sorta di minaccia per la squadra inglese.

Durante la partita con l'Ucraina, Milner è stato uno dei tre giocatori che ne ha caratterizzato la vittoria per 1-0, assicurandosi un posto nei quarti di finale. Il portiere Joe Hart e il difensore Joleon Lescott, precisa poi la BBC, saranno in prossimità di Mario Balotelli e sono fiduciosi di poterlo tenere a bada. "Sappiamo che Mario è un giocatore al top - ha poi proseguito Milner, ma i nostri difensori sono stati brillanti. Dovremmo fargli un po' di battute prima che inizi la partita. "È stato bello - ha ammesso - vederlo segnare per l'Italia. Super Mario si confronterà anche con un altro suo compagno, Joleon Lescott: "Sta facendo molto bene - ha sottolineato Milner -. Conosce Mario, si allena con lui ogni giorno e sono sicuro che saprà tenerlo a bada".

"Mario è un giocatore diverso e che sta per causare problemi. Lui - ha rimarcato Milner alla BBC - è molto forte, è un giocatore intelligente e sa far bene. Ma non lui è solo uno dei tanti. L'Italia ha un sacco di buoni giocatori. Per cui dobbiamo fare in modo di non concentrarci solo su di Mario. Faremo del nostro meglio per farcela". Alle parole di Milner si sono aggiunte poi quelle di Joleon Lescott che ha ribadito: "Marcare stretto Mario sarà ovviamente un compito difficile, sappiamo tutti quanto talento possiede perché anche dal nulla, in qualsiasi momento, può creare qualcosa. Ci saranno punti di forza e di debolezza, saranno questi che cercheremo di sfruttare una volta l’uno contro l'altro".

Nel frattempo per la partita di domenica con l'Italia ci sarà anche Wayne Rooney, sospeso durante l'incontro con l'Ucraina. Secondo l'attaccante del Manchester United, però, sarà Andrea Pirlo la vera e grave minaccia. "Quella con l'Italia sarà una partita difficile - ha spiegato Rooney -, dovremo essere al nostro meglio per vincere. Sono abbastanza simili a noi nel modo in di giocare ed hanno giocatori in gamba come Balotelli, Cassano e Pirlo". Da parte sua l'allenatore inglese Rod Hodgson ammette: "La nostra preparazione per la sfida con l'Italia è iniziata il mercoledì. Io ho guardato la partita tra la Spagna e la Croazia, piuttosto che l'Italia e l'Irlanda perché qualora dovessimo vincere, in parte pensando che se dovessimo fare bene, la Spagna poteva essere un avversario possibile". "Ho visto l'Italia giocare sì, ma non ho studiato le sue mosse, ha sicuramente avuto la bravura di avere la meglio su un gruppo molto difficile".