Sport e Viaggi » Sport » Calcio

Serie A: i tifosi tornano negli stadi con presenze record

Bisogna tornare alla stagione 1992-'93 per avere numeri di presenze più alti di quest'anno (9.642.640). La squadra più seguita, dagli spalti e in tv, è l'Inter. A seguire Napoli, Milan, Roma e Juventus. La finale di Coppa Italia la partita più vista.

» Calcio Gianluca Colletta - 20/05/2010

Sembrava una specie in via di estinzione. E invece, i tifosi sono tornati a popolare gli spalti degli stadi, facendo registrare presenze da record nell'ultimo campionato di serie A, come non si vedevano da 17 anni. Durante la stagione 2009-2010 sono stati 9 milioni 642mila 640 gli appassionati che hanno seguito la squadra del cuore, pochi meno rispetto alla stagione '92-'93, quando furono  9 milioni 977mila 878.

Un dato molto significativo, soprattutto se si considerano le molte restrizioni, adottate per motivi di ordine pubblico, applicate per trasferte e acquisto dei biglietti, ma che fa proseguire il trend di crescita registrato negli ultimi tre anni. Rispetto alle stagioni precedenti, infatti, le presenze sono aumentate di circa 250mila spettatori rispetto al 2008-'09, di 866mila rispetto a due anni fa e addirittura di 2,5 milioni rispetto al campionato 2006-2007.

Ad incidere positivamente su questo bilancio, soprattutto il ritorno in Serie A di grandi società che, per vari motivi, militavano nella serie cadetta. Su tutte la Juventus, retrocessa dopo lo scandalo di calciopoli, e il Napoli, che anche nelle categorie minori riusciva a portare allo stadio, ogni domenica, decine di migliaia di tifosi, senza dimenticare una piazza importante come quella del Genoa o del Bari.

Gran parte del merito è dell'Inter, che si conferma Campione d'Italia. Dopo lo scudetto e la Coppa, i neroazzurri vincono anche nella classifica di squadra più seguita dai propri supporters. Lo Stadio Meazza, nelle 19 partite casalinghe, è stato preso d'assalto da una media di 55mila 957 spettatori a gara. Un numero davvero notevole se si considera che per ogni giornata di campionato la media è stata di circa la metà (25mila 375 posti occupati per ogni stadio), con la sola eccezione dell'ultima giornata quando, a recarsi sugli spalti, sono stati circa 34mila 129 tifosi.

E se i sogni europei del Napoli si sono fermati  al sesto posto in campionato, con la qualificazione all'Europa League, i suoi tifosi sono stati capaci di regalare alla squadra di Mazzarri la Champions e la seconda posizione in questa particolare classifica. La squadra partenopea, infatti, è stata capace di riempire in media il 78,1 per cento dei posti disponibili, con 47mila 049 spettatori a gara. Seguono in questa graduatoria Milan (42mila 809), Roma (40mila 925) e Lazio (36mila 515), mentre la Juventus (con appena 23mila 186 spettatori) si classifica all'11esimo posto, segno di una stagione davvero da dimenticare, anche se il Comunale di Torino ha riempito, in media, l'82,8 per cento dei posti disponibili.

E per chi non si è potuto recare allo stadio, sono corse in aiuto le dirette televisive. Anche in questo caso le partite dell'Inter sono state le più seguite sul satellite. I neroazzurri (4,57 per cento la media) hanno sorpassato la Juventus (4,24 per cento) sono nel finale di campionato, mentre i bianconeri hanno dominato gli indici di share fino a quattro giornate dalla conclusione. Alle loro spalle Milan (3,53 per cento), Roma (3,05 per cento) e Napoli (2,18 per cento), mentre sul digitale terrestre ci sono alcune variazioni. Se la squadra di Moratti è sempre prima con 713mila 306 decoder sintonizzati sulle partite, dietro figurano, nell'ordine, Milan (597mila 567), Juventus (572mila 044), Napoli (529mila 103) e Roma (523mila197).

Quanto ai singoli match, se il derby milanese del 24 gennaio scorso è stato capace di richiamare allo stadio il maggior numero di spettatori (80mila 018 tifosi), è stato anche quello che ha incollato davanti al televisore il maggior numero di appassionati (su Sky sono stati 2 milioni 407mila 835 i telespettatori, per uno share dell'8,67 per cento, mentre sul digitale terrestre 1 milione 476mila 027, per uno share del 5,29 per cento). Per quanto riguarda le partite in chiaro, la finale di TIM Cup Inter-Roma, del 5 maggio, ottiene il primo posto negli ascolti con 11 milioni 694mila 417 telespettatori, precedendo Barcellona-Inter del 28 aprile (10 milioni 034mila 348) e Italia-Bulgaria del 9 settembre (9 milioni 487mila 989), tutti incontri trasmessi da RAI Uno.

E ora, sarà la volta dei mondiali in Sudafrica. Se dopo il trionfo di Berlino, nel 2006, gli azzurri fecero segnare un'inversione di rotta, sulla cui spinta gli italiani hanno ripreso a tornare allo stadio, anche questa volta l'atteso appuntamento potrà contribuire a far crescere la febbre da calcio.


DOCUMENTI:
- Il report presentato dalla Lega Calcio