Scienze e Tecnologie » Tecnologie informatiche » Telecomunicazioni

Milano: accordo Brunetta-Moratti su innovazione nelle scuole ed Expo 2015

La prima firma riguarda un Protocollo di intesa tra il ministro della pa e il sindaco meneghino per garantire la diffusione di infrastrutture tecnologiche nelle scuole, la seconda è per collaborare alla realizzazione dell'Expo 2015 nel capoluogo lombardo.

» Telecomunicazioni Redazione/TB - 06/05/2011

Riprendendo il Piano e-Gov 2012, il progetto voluto dal ministro per la Pubblica amministrazione e l'innovazione Renato Brunetta, atto a modernizzare e rendere più trasparente la pa, il protocollo siglato lo scorso 2 maggio con il sindaco meneghino Letizia Moratti si concentra sulla scuola e sui servizi di telecomunicazioni. In particolare, attraverso il programma 'WIMI', che prevede la copertura Wi-Fi nei luoghi pubblici come musei e biblioteche, si intende portare tale connessione anche nelle scuole elementari e medie, diffondendo così il concetto di insegnamento a distanza e sistemi di valutazione.

In particolare, l'accordo per l'innovazione tecnologica per gli studenti nelle scuole e in generale per il cittadino è finalizzato a implementare le migliori pratiche organizzative coerenti con l'azione di digitalizzazione avviata dal governo con il Piano e-Govn2012 nell'ambito di due specifici obiettivi: la scuola e i servizi in banda larga. Questo piano si realizza attraverso l'utilizzo delle tecnologie digitali per la diffusione di servizi per la città e per i City users, e con lo sviluppo di sistemi avanzati per l'insegnamento e l'apprendimento degli studenti. Grazie al progetto 'WIMI' si avrà copertura Wi-Fi in luoghi 'indoor' quali musei, uffici comunali, biblioteche, oltre a servizi wireless 'outdoor' in determinate aree metropolitane milanesi. 

Questa innovazione svilupperà finalmente la diffusione della connessione Wi-Fi indoor nelle scuole dell'obbligo, e attiverà un iter di insegnamento a distanza e per le valutazioni dell'apprendimento. Con questo accordo si è creato in pratica un sistema integrato che permetterà di ricondurre su una piattaforma accessibile online tutti i processi amministrativi territoriali del Comune di Milano, come ad esempio, in ambito burocratico, la gestione documentale, la gestione di diritti edificatori e la produzione di certificati urbanistici.

Il medesimo giorno, il ministro Brunetta ha siglato un secondo patto con il sindaco Moratti (in qualità questa volta di commissario straordinario del Governo per Expo Milano 2015), con il presidente dell'Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l'innovazione Davide Giacalone e con l'amministratore delegato di Expo 2015 Spa, Giuseppe Sala. Il protocollo, che sarà valido fino al termine dell'Esposizione, punta a creare rapporti di collaborazione e comunicazione durante l'organizzazione dell'evento milanese, che avrà luogo dal primo maggio 31 ottobre 2015.

Si tratta di un'Expo Universale, di natura non commerciale, che viene organizzata ogni cinque anni dalla nazione che vince una gara di candidatura (due anni fa è toccato appunto all'Italia) e prevede la partecipazione di altre nazioni invitate tramite canali diplomatici dal Paese ospitante. Il tema portante della prossima edizione meneghina è interamente dedicato alla sicurezza e qualità alimentare, ed "intende essere un volano per l'economia del territorio e rappresentare al meglio le eccellenze nel settore dell'alimentazione dell'Italia e di Milano - si legge nel sito web dell'Expo 2015 -. L'alta qualità della tradizione alimentare italiana è nota e apprezzata in tutto il mondo. Il cibo italiano è amato perché è sano e genuino in quanto la qualità, il gusto alimentare, i prodotti regionali, la biodiversità e la salute di uomini e animali fanno parte della cultura italiana del saper vivere. Il comparto italiano del cibo è secondo nel Paese per dimensione - continua la nota - e conta 36mila aziende artigianali e medie, mezzo milione di addetti, 100miliardi di euro di fatturato annuo. Questo fattore di eccellenza dell'Italia è frutto di secoli di affinamento delle competenze degli agricoltori, dei metodi produttivi, delle pratiche agricole e zootecniche, oltre che delle scelte dell’industria alimentare e del sistema commerciale di distribuzione".

L'intesa firmata con il ministro della Pubblica amministrazione e innovazione intende promuovere il progetto 'Italia degli Innovatori' voluto da Brunetta in occasione dell'Expo di Shangai 2010 (in cui è stata ideata una manifestazione dedicata alle eccellenze tecnologiche del Bel Paese), e lo sviluppo di applicazioni 'intelligenti' ed eco-sostenibili metropolitane che rientrano nel progetto Smart City. Più in generale, l'intesa si pone l'obiettivo di sviluppare un rapporto di coordinamento e aiuto nella preparazione dell'Expo 2015, teso a valorizzare le competenze tecnologiche e scientifiche del sistema italiano della ricerca pubblica e privata anche nei confronti di altri Paesi, e realizzare una collaborazione continua dell'offerta presentata all'Expo di Shanghai nel 2010. 

LINK
- Expo 2015