Scienze e Tecnologie » Medicina e Salute » Ricerca in Medicina

Clinical Trial Day: dall'ospedale Bambino Gesù le terapie a misura di neonato

I dati sulla sperimentazione pediatrica e il suo impatto sociale ed economico sono stati resi noti nel corso del Clinical Trial Day, la giornata che ha riunito all'ospedale pediatrico Bambino Gesù i massimi esperti del settore.

» Ricerca in Medicina Redazione - 20/01/2011
Fonte: Immagine dal web

Buone notizie dalla medicina pediatrica. "I prossimi dieci anni vedranno una rapida crescita delle sperimentazioni dei farmaci sui più piccoli, con un investimento da parte dei privati stimato in oltre due miliardi e mezzo di euro per lo sviluppo di medicinali pediatrici sempre più mirati - si legge in un comunicato dell'ospedale Bambino Gesù di Roma -. Un percorso di sicurezza e un flusso di risorse che innescheranno un 'circolo virtuoso' con una spinta propulsiva anche per le sperimentazioni no profit più avanzate, come le terapie geniche, i vaccini a DNA e la biotecnologia.

Presso il Clinical Trial Center, "cuore della sperimentazione dell'ospedale pediatrico romano", si è discusso a lungo sulle più avanzate ricerche già al servizio dell'assistenza dei bambini attraverso un "percorso circolare che dal bancone del laboratorio arriva al paziente - si legge nel comunicato - trasformando l'intuizione di un ricercatore in una nuova terapia e, contemporaneamente, dal paziente al bancone del laboratorio, impegnando risorse e conoscenze per individuare nuove soluzioni terapeutiche partendo dall'evidenza clinica maturata sul campo".

Il Centro Trial svolge la propria attività ambulatorialmente, in ricovero ordinario e in day hospital, e conta su un team medico e infermieristico dedicato e specializzato nelle procedure cliniche e nelle metodologie necessarie per eseguire sperimentazioni farmacologiche in età evolutiva. Nel corso del 2010, fase iniziale e pilota dell'attività del Centro, è stata avviata la sperimentazione del primo vaccino terapeutico al mondo per bambini affetti da HIV.

"Se fino a qualche anno fa i farmaci venivano testati solo sugli adulti (in prevalenza di sesso maschile) - spiega la nota del Bambino Gesù - dal 2007 in Europa per ottenere l'indicazione pediatrica e l'autorizzazione dell'Agenzia del farmaco europea (Ema) i medicinali devono aver superato test ad hoc, eseguiti proprio tramite il coinvolgimento dei destinatari, ovvero i bambini". Ciò significa che viene riconosciuta formalmente la diversità dei piccoli rispetto agli adulti e la specificità delle loro necessità sanitarie.

Per garantire la sicurezza e l'efficacia di tutti i farmaci usati in pediatria, così come previsto dal Regolamento Pediatrico Europeo, con le oltre 80 sperimentazioni già in atto (sulle 3mila attese entro il 2020 nel Vecchio Continente secondo la stima dell'Agenzia del farmaco europea), il Centro Trial del Bambino Gesù sta colmando le lacune relative alle indicazioni cliniche, ai dosaggi e alle formulazioni dei medicinali al fine di assicurare l'adeguatezza delle cure rivolte ai piccoli pazienti.

"Il Clinical Trial Center è, infatti, già in grado di rispondere alla domanda di sicurezza - conclude la nota - organizzando ed eseguendo a livello locale, e coordinando a livello nazionale, sperimentazioni farmacologiche promosse da industria, società scientifiche, enti di ricerca, singoli ricercatori, ponendosi quindi come Centro di Riferimento Nazionale per questo settore".