Cronaca » Costume e Società » Costume

Dieta Mediterranea, innovazione e scrittura creativa: con chef Bernardi un'altra cucina al Bimed di Salerno

Ospite della Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo, Bernardi ha dialogato con i giovani studenti campani su un nuovo modello di cucina e di Cultura Gastronomica al passo con i tempi, le tematiche ambientali e con l'innovazione tecnologica

» Costume Francesca Nanni - 13/01/2020

di Francesca Nanni - La cucina tra Dieta Mediterranea e nuovi modelli di consumo; sostenibilità e riciclo gastronomico; cambiamenti climatici e materie prime; Nutriscienza, Epigenetica e Genomica; innovazione e agricoltura sostenibile 4.0; cibo e comunicazione. Può sembrare l'indice di un libro, invece sono gli argomenti che lo chef Renato Bernardi e io abbiamo avuto il piacere di esplorare insieme agli studenti degli Istituti Alberghieri della Campania nell'incontro "ScuolaMondo 2019" organizzato da BIMED - Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo il 9 e 10 Dicembre a Salerno.

Una due giorni su temi attualissimi, che ha avuto come filo conduttore i cambiamenti climatici e la salvaguardia ambientale, discussi proprio con le giovani generazioni. Centinaia di studenti campani, tra cui moltissimi provenienti da Istituti Alberghieri, hanno così affollato il Grand Hotel Salerno, trasformandolo da subito in un Campus frizzante, dinamico e operativo per confrontarsi e riflettere attraverso incontri, laboratori tematici, attività teatrali e musicali insieme ad un nutrito team di ospiti. Tutti chiamati a raccolta da una struttura che è riduttivo definire ente di formazione.

Già perché il Bimed è molto più che un organismo didattico e formativo parallelo al Sistema scuola; è un vero e proprio incubatore di idee e di attività che generano pensiero critico nelle nuove generazioni attraverso la fusione della Cultura con l’Educational. Nato venti anni fa per volere del ministero dei Beni e delle Attività Culturali in accordo con il ministero della Pubblica Istruzione, il Bimed presiduto da Andrea Iovino, raggruppa oggi 100 Comuni italiani per un totale di 1.200 scuole partecipanti ai progetti di formazione e 40mila studenti coinvolti nelle tante attività annuali. Un prezioso volano culturale che alimenta conoscenza, riflessione, consapevolezza e azione alle buone prassi per un futuro migliore. 


[Il presidente del Bimed, Andrea Iovino, durante uno dei suoi interventi nell'incontro di salerno]

Così, in un contesto come questo, anche una “semplice” lezione sulla Dieta Mediterranea e una sana alimentazione, è diventata un racconto condiviso che da un cuoco divulgatore come Renato Bernardi, è stato trasferito ai giovani professionisti di domani degli Istituti Alberghieri. Un dialogo itinerante che dalla cucina ha toccato moltissimi temi grazie al lavoro e all’esperienza di Bernardi e degli interlocutori suoi collaboratori che già operano in questo settore, soprattutto nel campo dell’innovazione sostenibile in cucina. 


[Lo chef Renato Bernardi durante il suo laboratorio con gli studenti degli Istituti Alberghieri campani]

Un incontro chef-studenti-insegnanti fortemente voluto dal Bimed, che fa seguito ad uno dei progetti punta di diamante di questa struttura: la Staffetta di Scrittura Creativa, attualmente in corso, che appassiona ogni anno centinaia di scuole ed enti locali di tutta Italia. La Staffetta consiste proprio nella collaborazione tra uno scrittore e classi di scuole diverse: lo scrittore - per gli Istituti Alberghieri lo chef Renato Bernardi - dà un incipit e i ragazzi scrivono il proprio capitolo della storia per passare poi il testimone alla scuola successiva che ne prosegue lo sviluppo. E così via per 10 scuole e 10 capitoli fino ad arrivare ad un racconto collettivo, partecipato che sarà pubblicato a maggio 2020.

LINK
- Bimed - Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo
- Chef Renato Bernardi
- MIUR (Ministero Istruzione, Università, Ricerca)