Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Itinerari e Tendenze

Tra fede e turismo sul cammino di Santiago è boom di pellegrini: in dieci anni +180%

Lungo una delle vie della cristianità arrivano ogni anno migliaia di persone da tutto il mondo. Stando ai dati de 'la Oficina del Peregrino' si è passati infatti dagli oltre 68mila del 2002 ai 192mila del 2012 con picchi altissimi negli anni 'iacobei'

» Itinerari e Tendenze Aura De Luca - 09/08/2013

È una delle vie più antiche della cristianità, oggi meta del turismo religioso, un pellegrinaggio lungo migliaia di chilometri (solo il 'Cammino francese' ne conta 775 suddivisi in 30 tape) che conduce alla cattedrale spagnola dove è custodita la tomba di San Giacomo, il primo apostolo di Gesù a diventare martire[1]. Sono migliaia i pellegrini, cristiani e non solo, che ogni anno arrivano a Santiago de Compostela e che provengono da ogni parte del mondo. Un trend che negli ultimi anni ha avuto un vero e proprio boom e che a tutt'oggi è in vertiginoso aumento.

NUMERI E MOTIVAZIONI DI QUANTI SCELGONO IL 'CAMMINO DI SANTIAGO'. Stando agli ultimi ufficiali diffusi nei giorni scorsi da 'la Oficina del Peregrino', l'istituzione che rilascia la cosiddetta 'credenziale' che di volta in volta andrà timbrata nelle tappe obbligatorie, si è passati infatti dagli oltre 68mila del 2002 ai 192.488 del 2012 e tocca punte altissime negli anni cosiddetti 'iacobei', vale a dire quelli in cui il 25 luglio, festa annuale del santo, cade di domenica. Alla base della scelta di intraprendere questo 'viaggio' ci sono prima di tutto motivazioni religiose (41 per cento), ma sono moltissimi anche i semplici turisti che si avvicinano a questa tipologia di viaggio ad esempio per la valenza religioso-culturale (53 per cento) del percorso o solamente culturale (6 per cento).

IDENTIKIT DEL PELLEGRINO. Tra i migliaia di pellegrini, la nazionalità più numerosa è sempre quella degli spagnoli (quasi il 50 per cento), mentre tra gli stranieri prevalgono, nell'ordine, tedeschi (16 per cento), italiani (13 per cento) e portoghesi (11 per cento). In generale, comunque, i numeri sembrano indicare che Santiago, insieme a Lourdes e Fatima, sta divenendo pian piano una delle mete preferite dal turismo religioso internazionale. Stando ai dati de 'la Oficina del Peregrino' per il 56 per cento i pellegrini sono uomini, per il 44 per cento donne. Il cammino è percorso dall'85 per cento dei pellegrini a piedi, ma c'è anche chi lo fa in bicicletta (15 per cento), e qualcuno anche a cavallo (0,15 per cento).

IL DOCUMENTARIO SU SANTIAGO DE COMPOSTELA


IL 'CAMMINO FRANCESE' PATRIMONIO DELL'UNESCO. E forse sono stati proprio i due importanti riconoscimenti in ambito culturale assegnati a Santiago de Compostela e ragioni della sua forte riscoperta e ri-frequentazione a partire dagli anni novanta anche da parte di persone, come spiegato poc'anzi, che non lo percorrono per motivi religiosi. Nel 1985 le strade francesi e spagnole che compongono l'itinerario del 'cammino francese' sono state dichiarate Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Due anni dopo, il 23 ottobre 1987 il Consiglio d'Europa ha riconosciuto l'importanza dei percorsi religiosi e culturali che attraversano l'Europa per giungere a Santiago de Compostela, dichiarando la via di Santiago 'itinerario culturale europeo' e finanziando adeguatamente tutte le iniziative per segnalare in modo conveniente 'el camino de Santiago'.

'COMPOSTELA' SULLE ORME DI SAN GIACOMO. Santiago de Compostela, il cui nome trae origine, come ricordava Luis Bunuel nel film del 1969 'la Via Lattea', dalla leggenda secondo cui nel IX secolo, fu una stella ad indicare a dei pastori il luogo dove si trovava il corpo di San Giacomo. Questa fu l'origine del nome: Campus stella, il luogo della stella. Nella maggior parte dei paesi occidentali, infatti, la via Lattea si chiama anche la 'strada di San Giacomo'. Ed oggi per moltissimi pellegrini la meta ultima del 'cammino' non è la Cattedrale a Santiago, quanto il 'cammino' stesso.

NOTE
[1]
San Giacomo fu decapitato in Giudea per ordine del re Erode Agrippa. Lla tradizione narra che il suo corpo senza testa fu ritrovato secoli dopo in Spagna da un eremita, in circostanze misteriose, nel luogo che ha poi preso il nome di Santiago (in italiano appunto 'San Giacomo'). Qui fu costruita una piccola chiesa, ma ben presto intorno ad essa sorse una città: Santiago de Compostela. Di qui la consacrazione della città a meta della cristianità.