Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Itinerari e Tendenze

Santiago de Compostela: 100 km a piedi verso il Giubileo 2010

Nella capitale della cristianità confluiscono ogni anno migliaia di fedeli da tutto il mondo. E per il 25 giugno la città spagnola si prepara ad un'affluenza record per l'evento religioso che si verifica 14 volte ogni 100 anni.

» Itinerari e Tendenze Redazione - 15/05/2010

Dalla Francia alla Spagna sulle orme di San Giacomo. È il lungo viaggio che fin dal Medioevo i pellegrini di tutto il mondo affrontano per arrivare al santuario di Santiago di Compostela, una delle capitali della cristianità, patrimonio dell'umanità dal 1985. Meta finale del lungo peregrinare, la cattedrale composteliana dove è custodita la tomba di San Giacomo, primo apostolo di Gesù a diventare martire. Decapitato in Giudea per ordine del re Erode Agrippa, la tradizione narra che il suo corpo senza testa fu ritrovato secoli dopo in Spagna da un eremita, in circostanze misteriose, nel luogo che ha poi preso il nome di Santiago (in italiano appunto 'San Giacomo'). Qui fu costruita una piccola chiesa, ma ben presto intorno ad essa sorse una città: Santiago de Compostela appunto (da 'campus stella'). Di qui la consacrazione della città a meta della cristianità.

Lungo il Cammino di Santiago, ogni anno confluiscono milioni di pellegrini da tutto il mondo. Ma è per il prossimo 25 giugno, giorno in cui i festeggiamenti per il martirio di San Giacomo cadono di domenica, che è atteso il boom di presenze. Proprio in quell'occasione, infatti, ricorre anche l'Anno giubilare composteliano, una ricorrenza che si verifica 14 volte in 100 anni. In questa eccezionale occasione, in cui ai fedeli vengono concesse indulgenze speciali, la Cattedrale di Santiago aprirà ai pellegrini la Porta Santa, detta anche 'Porta del Perdono', situata dietro l'Altare Maggiore, tra le cappelle del Salvador e della Virgen de la Azucena.

      

Un cammino quello per Santiago, che non è più solo una via della fede. Negli anni è
divenuto motivo di incontro tra diverse genti e culture, al punto che nel 1987 il Consiglio d'Europa lo ha nominato 'Primo Itinerario Culturale Europeo'. Sono tanti e diversi, infatti, i percorsi che attraversano l'Europa. Dagli ultimi dati aggiornati al 2009 [*], infatti, si calcola che a compiere il cammino di Santiago sono circa 145.877 pellegrini di età compresa tra i 36 e i 65 anni, di cui oltre 79mila stranieri. Tra le principali nazionalità di provenienza gli europei sono 132.502, di cui 79mila spagnoli, 14.789 tedeschi, 10.341 italiani. Un flusso notevole che ha avuto la sua massima consistenza nei mesi estivi: giugno (19.316), luglio (26.212), agosto (35.098) e settembre (20.465). 

     

Documento fondamentale del pellegrino è la 'Credenziale', una sorta di 'passaporto' rilasciato dalle istituzioni autorizzate dalla Chiesa, indispensabile per accedere, lungo il percorso, ai rifugi, alle strutture dei pellegrini e per ricevere, una volta giunti in città, la 'Compostela', ovvero la certificazione dell'avvenuto pellegrinaggio necessaria per percorrere almeno 100 chilometri a piedi o 200 km in bicicletta. Il passaporto sarà timbrato con un 'sello' in ogni struttura ospitante, a testimonianza dell'avvenuto passaggio. Al termine del pellegrinaggio dovrà essere consegnato all’ufficio ecclesiastico competente che metterà l'ultimo timbro e la data di consegna.

SCHEDA: LE VIE RICONOSCIUTE PER SANTIAGO

Cammino Francese: la via più frequentata, soprattutto per chi parte dall'Italia, che entra nella Penisola Iberica da Roncesvalles e fa il suo ingresso in Galizia da O Cebreiro
Cammino del Nord: che fiancheggia la costa cantabrica ed entra in Galizia da Ribadeo
Cammino Primitivo: che parte da Oviedo e conduce il pellegrino verso Santiago
Cammino Inglese: così conosciuto per l'affluenza di pellegrini dalle isole britanniche, che viaggiavano per mare, sbarcavano ad A Coruña o Ferrol, e si spostavano da lì a piedi
Cammino Portoghese: che va dal Portogallo fino ad entrare in Galicia da Tui
Cammino del Sud est: che procede da Sevilla, Mérida, Zamora, ed entra in Galizia dalla provincia di Ourense

LINK
Santiago Turismo
- Confraternita di San Jacopo de Compostela di Perugia

[*] Fonte dei dati: www.archicompostela.org