Sport e Viaggi » Viaggi e Turismo » Cronaca Viaggi e Turismo

L'arte del viaggio: tre giorni per apprenderne i rudimenti nell'antica terra del Montefeltro

Un week end in un agriturismo immerso nella natura marchigiana per scoprire che viaggiare è soprattutto un'esperienza dell'anima: ecco la proposta nata dalla collaborazione fra Viaggi dell'Elefante, Scuola del viaggio e Paesaggio culturale italiano.

» Cronaca Viaggi e Turismo Ester Trevisan - 27/04/2010

Ammirare il fascino di un paesaggio al tramonto, farsi cullare dal canto degli uccelli o lasciarsi rapire dai racconti di chi conosce ogni angolo di quelle terre, a noi invece ignote, e dare voce alle emozioni vissute mettendole nero su bianco o traducendole in immagini. E imparare, così, un modo di viaggiare più autentico ed intimo. 

Ad insegnare saranno alcuni fra i più importanti maestri italiani del viaggio che il 7, l'8 e il 9 maggio, insieme agli allievi che vorranno partecipare a questa suggestiva esperienza, saranno i protagonisti del primo week end realizzato in collaborazione fra la Scuola del Viaggio e Viaggi dell'Elefante, tour operator leader nel settore culturale, dedicato a corsi di scrittura, fotografia e carnet di viaggio. 

Ospiterà l'evento l'agriturismo Cà Le suore di Cagli, in provincia di Pesaro-Urbino, una struttura immersa nella natura marchigiana e aderente al circuito dell'Associazione italiana turismo responsabile (Aitr). Grazie alla partnership con Paesaggio culturale italiano, inoltre, i 30 allievi che parteciperanno ai corsi (10 per ciascuno dei tre proposti) potranno visitare il Parco letterario dedicato a Paolo Volponi, nel Montefeltro, e trarre ispirazione dalle atmosfere evocate dai luoghi per cimentarsi nei laboratori sul campo.

"La nostra associazione – spiega Claudio Visentin, presidente della Scuola del Viaggio – promuove sempre iniziative di questo genere, ma le novità di questo week end sono rappresentate dalla collaborazione con il tour operator Viaggi dell'Elefante e dalla location che, pur se poco conosciuta, è di una bellezza straordinaria". Per tre giorni, dunque, esperti di racconti, fotografie e carnet di viaggio, che si differenziano dai semplici racconti perché alla scrittura uniscono il disegno ad acquarello, sveleranno le tecniche per rendere il viaggio un'esperienza sensoriale da rendere poi, artisticamente, attraverso le tre forme espressive. 

"Durante il week end – sottolinea Visentin – i partecipanti non sono bombardati da nozioni, perché il nostro metodo di insegnamento non consiste nel prescrivere regole da rispettare alla lettera, ma nel fornire semplici input, lasciando gli allievi liberi di lavorare autonomamente sul campo: si va in giro, si osserva e si scrive e i docenti intervengono con le loro correzioni soltanto al termine del lavoro".

LINK
- Scuola del Viaggio