Scienze e Tecnologie » Natura e Ambiente » Animali

Animali domestici: regole e consigli per una vacanza a 4 zampe

Ecco alcune informazioni indispensabili per chi non vuole separarsi dal proprio fedele amico neppure durante le vacanze estive.

» Animali Ester Trevisan - 27/07/2009

In spiaggia, sui sentieri di montagna o anche, perché no, all'estero: andare in vacanza in compagnia degli animali domestici può essere una buona occasione per rafforzare il legame con il proprio amico a quattro zampe. 

Prima di partire, però, occorre informarsi bene sulle regole da rispettare, alcune delle quali sono spesso dettate dal semplice buon senso, e sulle normative in vigore. 

Per oltrepassare i confini nazionali, ma restando sempre in Europa, ad esempio, dal primo ottobre 2004 i proprietari di cani, gatti e furetti devono esibire alle dogane il passaporto europeo, documento di riconoscimento degli animali previsto dal regolamento 998 del Parlamento Europeo. 

Le nuove norme si applicano ai movimenti degli animali da compagnia tra gli Stati europei o in ingresso da Paesi non appartenenti all'Unione europea. Nel documento sono indicate tutte le pratiche veterinarie effettuate, il numero identificativo del microchip e altre informazioni come, per esempio, il nome, la razza, il sesso e la specie. 

Nel caso in cui i microchip non fossero conformi agli standard Iso 11784 o Iso 11785, i proprietari dovranno portare con sé il documento di lettura. L'uso del microchip al posto del tatuaggio diventerà obbligatorio in tutti i Paesi europei fra otto anni. Il passaporto europeo deve contenere anche i dati identificativi del proprietario. 

Se la propria meta di viaggio è il Regno Unito, l'Irlanda, la Svezia o Malta, bisogna tenere presente che i passaporti devono riportare la trascrizione delle analisi per gli anticorpi della rabbia. L'animale dovrà essere sottoposto a questo esame clinico almeno sei mesi prima della partenza per il Regno Unito, per l’Irlanda e per Malta e almeno quattro mesi prima della partenza per la Svezia. 

A rilasciare il passaporto europeo sono i veterinari autorizzati che devono possedere determinati requisiti e i cui elenchi vengono aggiornati dai veterinari delle Asl che provvedono anche al loro invio annuale al servizio veterinario delle Regioni. L'ordinanza del 3 marzo 2009 emanata dal ministero del Welfare impone che i cani debbano portare guinzaglio e museruola nei luoghi pubblici. 

Leggi a parte, esistono poi elementari di regola di "convivenza civile" che non vanno mai in vacanza e che, quindi, vanno sempre osservate per evitare che voi e il vostro amico a quattro zampe veniate bollati come "disturbatori della quiete pubblica". 

Se Fido non è molto socievole con gli estranei, è il caso di adottare tutti gli accorgimenti necessari per non incorrere nelle sanzioni previste dal codice civile che sancisce la responsabilità civile dei proprietari. Un consiglio utile, quindi, potrebbe essere stipulare una polizza di assicurazione per eventuali danni arrecati a terzi da un cane un po' troppo esuberante.

DOCUMENTI
- Regolamento europeo movimentazione animali domestici