Cultura e Spettacoli » Arte » Cronaca Arte

Riflessi di luce su Palmira: Biennale di Venezia e Siria si illuminano con Patrizia Dalla Valle

Fino al 26 novembre 2017 questa straordinaria artista romagnola di arte scultoreo-musiva sarà presente alla 57a Esposizione Internazionale d'Arte, presso il Padiglione della Repubblica Araba con un omaggio alla città siriana distrutta dalla barbarie umana

» Cronaca Arte Francesca Nanni - 30/10/2017
Titolo: 'Rovine' opera di Patrizia Dalla Valle dedicata a Palmira

Un articolo sentito e dovuto a chi, con garbo e discrezione, ha atteso con una pazienza quasi materna. Un’artista di rara dolcezza e indiscussa capacità espressiva che ha fatto dell’arte scultoreo-musiva il fulcro della sua visione creativa. Patrizia Dalla Valle, l’artista del mosaico, la signora di una luce riflessa che arriva dal passato, si affaccia al presente e, attraverso la sua intima rilettura, si proietta nella modernità con sorprendente naturalezza. Una tipologia d'arte ancora poco esplorata dalla cronaca, un linguaggio dove ogni tessera posata nasce da un disegno interiore completato da una narrazione che fonde forma e tecnica, arte e artigianato.

Riflessi di luce in cui si specchiano Bisanzio e Palmira, dove si sedimentano ‘Tagli dal Tempo’ che lasciano ‘Tracce’, ‘Sedimentano’ il mistero della vita e segnano il vissuto con profonde ‘Fenditure’. Un ‘MetaMosaico’ contemporaneo in cui i progetti storici, naturalistici ed esistenziali di Patrizia Dalla Valle si legano al vissuto dello spettatore con incredibile coinvolgimento emotivo.



Un percorso umano, artistico ed espositivo segnato da un indiscusso e crescente successo coronato, oggi, dalla presenza di un significativo corpus di opere di questa straordinaria artista alla 57a Esposizione Internazionale d'Arte, la Biennale di Venezia, visitabile fino al 26 novembre 2017 nel Padiglione della Repubblica Araba Siriana. Uno spazio interamente dedicato a Palmira dal titolo ‘Everybody admires Palmyra's greatness’, attraverso cui la Siria rende omaggio alla all'eternità temporale di quel suo antichissimo centro le cui straordinarie vestigia architettoniche, Patrimonio dell'Umanità UNESCO, sono state bersaglio di una devastante distruzione.

Ed è in questo nobile contesto che, per espresso invito del curatore, Emad Kashout, direttore del Museo di Damasco, si collocano le creazioni di ‘Interno bizantino’ di Patrizia Dalla Valle: Troni e Croci, ispirate all'arte bizantino-ravennate, al fulgore imperiale dei secoli V e VI d. C. e al suo inesorabile declino. Fulcro della presenza di questa artista una recentissima opera dedicata proprio a Palmira, di potente ed incisivo impatto estetico, che coniuga partiture luminose e auree bizantine con tarsie più introspettive di grande e moderna forza dialettica.

LINK
- Patrizia dalla Valle