Cronaca » Mondo » Asia e Medio Oriente

Vietnam: il Papa nomina un rappresentante "fuori sede"

Per la prima volta, dopo 35 anni, la Santa Sede avrà un suo rappresentante, anche se non residente, presso il governo del Paese asiatico.

Titolo: Papa Benedetto XVI e il presidente del Vietnam, Nguyen Minh Triet
Fonte: Immagine dal web

Papa Benedetto XVI ha nominato  monsignor Leopoldo Girelli, arcivescovo titolare di Capri, ''nunzio apostolico in Singapore, Delegato Apostolico in Malaysia e in Brunei, e Rappresentante Pontificio non-residente per il Viet Nam''. La nomina è arrivata dopo le trattative tra la diplomazia vaticana e il governo del Paese comunista.

Nel suo indirizzo al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, lo scorso lunedi, il pontefice ha sottolineato con soddisfazione che "le autorità vietnamite hanno accettato che io designi un rappresentante che esprimerà con le sue visite alla cara comunità cattolica di quel Paese, la sollecitudine del Successore di Pietro''. Dopo la rottura degli anni Settanta, il punto culminante del riavvicinamento tra Vietnam e Città del Vaticano è stata la visita presso la Santa Sede, il 25 gennaio 2007, del premier vietnamita.

"Mi sembra importante sottolineare - si legge nel discorso di Benedetto XVI ai vescovi della Conferenza episcopale del Vietnam, in visita 'ad limina apostolorum' nel giugno 2009 - che le religioni non rappresentano un pericolo per l'unità della Nazione, poiché esse mirano ad aiutare l'individuo a santificarsi e, attraverso le loro istituzioni, desiderano mettersi generosamente e in modo disinteressato al servizio del prossimo".

"La delegazione della Santa Sede - sottolinea una nota della Segreteria di Stato vaticana - ha inoltre ricordato che la Chiesa nei suoi insegnamenti invita i fedeli ad essere buoni cittadini e quindi ad impegnarsi per il bene comune della popolazione. La delegazione vietnamita e vaticana hanno registrato sviluppi incoraggianti in varie aree della vita cattolica in Vietnam, specialmente in relazione all'Anno Giubilare", attualmente in corso nel Paese asiatico.