Cronaca » Mondo » Africa

FOCUS - 'Anonimo nigeriano': l'anagrafe che non esiste e il 'BRISIN' che fa paura

«100 mln di nigeriani con documenti falsi o sbagliati»; un Paese anonimo così come i suoi abitanti che nel 2050 saranno 400 mln. Il progetto BRISIN, motore di ordine, crescita e sviluppo pronto a partire ma fermo da 10 anni. Ecco cosa sta accadendendo...

» Africa Francesca Nanni - 23/02/2017

di FRANCESCA NANNI - Il numero è monumentale e la notizia è di quelle che lasciano a bocca aperta: «In Nigeria 100 milioni di persone (il 75% della popolazione) hanno documenti falsi o sbagliati»[1]. Così, semplici domande come «in che anno sei nato?» o «quanti anni hai?» in questo Paese implicano una risposta assolutamente causale perché l’anagrafe non esiste. O meglio: non esiste un sistema integrato, un database di raccoglimento e stoccaggio elettronico di dati che permetta una connessione, una consultazione ed un utilizzo diffuso da tutto il Continente.

«Attualmente in Nigeria manca un vero e proprio sistema anagrafico intelligente - spiega Emmanuel Adigwe, Presidente della Nidoe Italia (Nigeria in Diaspora Organization Europe) - gli uffici ancora scrivono a mano e anche laddove ci sono computer, non esistono programmi per l’inserimento delle informazioni, e questo complica notevolmente i compiti del governo in molti campi. Non c’è un catasto, non esiste la motorizzazione, non c’è accesso a procedure sanitarie così come in molti altri settori vitali di pubblico interesse.» Nel corso degli anni, il governo nigeriano ha lottato molto per tenere traccia dei dati e delle informazioni di cittadini e residenti, soprattutto con l’obiettivo di pianificare la crescita. Da questo punto di vista la mancanza di un sistema tecnologico affidabile ha portato nel tempo ad alcune carenze nella realizzazione di determinate politiche di governo proprio per lo sviluppo socio-politico ed economico.

NIGERIANI DALL’ETÀ SCONOSCIUTA TRA CORRUZIONE E UNA P.A. SENZA INFRASTRUTTURE. Il caso è scoppiato qualche anno fa quando di alcuni calciatori africani, dunque anche nigeriani, presenti in Italia non si è riusciti a capire l’età anagrafica. Scrive il quotidiano Il Foglio nel 2011: «Calciatori africani che hanno giocato con le date di nascita taroccate, giocatori che si spacciavano per poco più che adolescenti essendo invece adulti, ma anche ragazzini che per sfidare le regole e i limiti imposti ai trasferimenti degli under 16 hanno deciso di alzare la loro età.»[2] La non identificazione dei cittadini nigeriani ha così alimentato nel tempo un vero e proprio mercato dell’illegalità burocratica «difficile da debellare per chi è disposto a pagare i funzionari pubblici per ottenere i documenti.»[1] Stesso discorso per le patenti di guida, «fin troppo facili da falsificare e regolarmente acquistate da tanti nigeriani ed espatriati» scrive l’ASAPS Sicurezza Stradale in un articolo del 2006 [1]. Una Pubblica Amministrazione sprovvista di mezzi adeguati per il controllo di qualità dei documenti d’identità fa il resto. 

400 MLN DI PERSONE NEL 2050 E SENZA ANAGRAFE: LA DEMOGRAFIA NIGERIANA AL COLLASO. Il caso aperto dall’età anagrafica dei calciatori africani e dalle patenti false o semi-vere, è solo la punta di un iceberg in cui si annida un problema ben più grande: la vertiginosa crescita demografica della Nigeria. Se oggi, infatti, questa nazione conta circa 180 milioni di persone in 37 Stati, nel 2050 gli abitanti arriveranno a 400 milioni, rendendo questo Paese il terzo al mondo per popolazione, superando di gran lunga gli Stati Uniti. Uno sviluppo demografico al momento senza alcuno strumento di censimento, gestione e controllo. 

'BRISIN': L'ANAGRAFE INTELLIGENTE PER IL CONTROLLO DEMOGRAFICO, LA CRESCITA E LO SVILUPPO. Il suo nome è un acronimo: ‘BRISIN’ ovvero Basic Registry and Information System in Nigeria. In una parola, 'Anagrafe'.  Una piattaforma elettronica integrata che aggreghi le informazioni dei residenti di ogni area e distretto e collegata ad un ‘cervellone’ centrale. Uno strumento indispensabile di accesso alle informazioni per la programmazione e la pianificazione di strategie di sviluppo. «Se il BRISIN venisse applicato - precisa Emmanuel Adigwe - si creerebbero le infrastrutture necessarie per seguire e gestire al meglio l’atteso aumento demografico della popolazione e dei flussi migratori interni ed esterni.» Non solo. «I dati forniti da questo apparato tecnologico verrebbero utilizzati per il controllo dei tassi di natalità e mortalità, i flussi di reddito, i tassi di crescita economica a tutti i livelli, la sicurezza, la sanità, la disoccupazione di massa, la lotta alla corruzione, alla criminalità e all'evasione fiscale.» Insomma, con il BRISIN si creerebbero in Nigeria legittime condizioni di riscatto e autonomia nazionale.

IL 'BRISIN' PRONTO A PARTIRE FERMO AL PALO DA 10 ANNI. Un progetto che cambierebbe radicalmente l’asseto di un intero Paese. Il BRISIN (Basic Registry and Information System in Nigeria) è fermo al palo da dieci anni nonostante la firma a procedere da parte del governo nigeriano nel 2007. Ma perché questo stop? «Perché è mancata una reale volontà politica internazionale di realizzazione - spiega ancora Emmanuel Adigwe -. Sono molti gli interessi che ruotano intorno ad un Paese che attualmente “va bene” così com’è senza autonomia, controllo e sviluppo.» Pensato come sistema anagrafico speculare all'anagrafe italiana, lo studio del progetto del BRISIN «è iniziato nel 2000 quando si è costituito un pool internazionale di esperti universitari (Nidoe inclusa) e di imprese italiane pronte a realizzarlo», spiega Emmanuel Adigwe. «Ci è voluto molto tempo per mettere insieme la visione, il progetto, trovare dei partner interessati a realizzarlo, parlare con le istituzioni nigeriane e italiane - prosegue Adigwe -, ma alla fine, nel 2006 siamo stati ricevuti dal Consiglio dei Ministri per presentare ufficialmente il BRISIN. L’anno dopo, nel 2007 il governo nigeriano ha firmato il contratto per la sua realizzazione.» Da allora, però, più nulla. Silenzio. Per dieci anni. «Senza BRISIN, senza anagrafe - sottolinea preoccupato Adigwe -, la Nigeria non può crescere e resterà un Paese anonimo.»

IL 'BRISIN' COME STRUMENTO DI CONTENIMENTO DEI FLUSSI MIGRATORI. Sviluppare in Nigeria le infrastrutture oggi mancanti in modo da ridurre il flusso migratorio. Come? Realizzando il BRISIN, dunque l’anagrafe elettronica. Questo è il ragionamento: «Per avviare il progetto BRISIN in tutte le aree e i distretti nigeriani - spiega  Emmanuel Adigwe, Presidente della Nidoe Italia -, è assolutamente necessaria l’energia (che è il motore di qualsiasi sviluppo) nel nostro caso anche solare e dunque alternativa, l’acqua e i collegamenti idrici (molti nigeriani fuggono oggi da carestie e siccità), la connessione Internet per comunicare, diffondere e consultare, ma anche per elaborare i dati economici sui settori produttivi del Paese dal potenziale di crescita.» «Tutto questo significherebbe investimenti di realizzazione in Nigeria da parte di imprenditori stranieri ma anche posti di lavoro per migliaia di persone, risorse umane che - conclude Adigwe - correttamente istruite e formate, non avranno più bisogno di migrare fuori dalla Nigeria.» A godere dei potenziali benefits di sviluppo del BRISIN sarebbero, inoltre, anche gli altri settori produttivi nigeriani quali artigianato, edilizia, agricoltura, tessile, etc. Alcuni sono in parte già avviati grazie anche al supporto dei macchinari forniti da aziende italiane, ma va da sé che con ulteriori strumenti tecnologici la crescita di tutti questi settori aumenterebbe in modo esponenziale.

RASSEGNA STAMPA DI RIFERIMENTO
[1] ASAPS Sicurezza Stradale. Articolo di Raffaele Chianca, Ispettore Capo della Polizia Stradale Comandante della Squadra di P.G.
[2] ‘Da Abédi Pelé a Ruby, il grande mistero irrisolto delle anagrafi africane’ (Articolo de Il Foglio 13 Marzo 2011)
[3] Calcio, lo strano caso di Minala e altri ‘errori’ anagrafici
- Gli invisibili. Milioni di bambini africani non esistono per l'anagrafe
- Nigeria, petrolio e banditi. Un paese dalle enormi risorse. Ridotto alla fame da un regime corrotto (Espresso 2011)

FONTI
- Nigerian Diaspora
- Nidoe (Nigeria in Diaspora Organization Europe/Italia)
- Info Mercati Esteri (Ministero Affari Esteri)
- Open Migration
- International Organization of Migration (IOM)
- Rapporto Congiunto Ambasciate, Consolati, ENIT (Ministero Affari Esteri, 2016)
- Chatman House London
- 'BRISIN' (Basic Registry and Information System in Nigeria)