Dalla Germania la tassa per i nonni a sostegno delle pensioni future

Previdenza - 04/04/2012

BERLINO - I conservatori europei non sono tutti uguali. Mentre nel Regno Unito il premier tory David Cameron vuole la "tassa sui nonni", cioè tagli a esenzioni fiscali sulle pensioni, a Berlino il governo di Angela Merkel prepara l'introduzione di una "tassa per i nonni". Cioè un'imposta-contributo addizionale che ogni cittadino dai 25 anni in su dovrà pagare, in proporzione al reddito e dunque in sostanza all'Irpef che versa. In tal modo, verrà assicurato il finanziamento futuro del fondo pensioni e dell'assistenza sanitaria per gli anziani, senza aumentare i contributi. E soprattutto l'esecutivo vuole garantire la finanziabilità a lungo termine di pensioni e prestazioni sociali e sanitarie per la terza età anche in presenza di cambiamenti radicali e rapidi della piramide demografica o struttura demografica della società tedesca...