Inchiesta: Crisi economica europea

Eurolandia: Angela Merkel e l'effetto domino del default greco

Il cancelliere tedesco cerca di fugare i timori sulla possibile bancarotta del Paese ellenico e all'emittente radiofonica RBB dice: "Stiamo utilizzando tutti gli strumenti che abbiamo per salvare l'euro".

Crisi economica Francesca Nanni — 13/09/2011
Fonte: Immagine dal web

"Il crollo della Grecia e la sua uscita dall'euro avrebbe un effetto domino, per questo deve essere evitato a tutti i costi": così , il cancelliere tedesco Angela Merkel questa mattina durante un'intervista all'emittente radiofonica tedesca RBB. "Stiamo utilizzando - ha detto - tutti gli strumenti a disposizione per prevenire questa possibilità. Abbiamo  bisogno di evitare tutti i processi a rischio per quanto riguarda l'euro".

Definendo "storica" la sfida che l'Europa sta affrontando, la Merkel ha così cercato di smorzare i toni della polemica il giorno dopo le affermazioni del ministro dell'Economia, Philipp Roesler, secondo il quale l'ipotesi di un fallimento controllato della Grecia per stabilizzare l'euro "non è più un tabù". Una dichiarazione che insieme al rischio di default per il Paese ellenico, ha avuto pesanti ripercussioni sui mercati finanziari che hanno risentito, nella tarda mattinata di oggi, di voci, poi confermate pochi minuti fa dal Finantial Times, dell’acquisto da parte della Cina  di circa il 4% del debito pubblico italiano che ammonta a 1 miliardo e 900mila euro. Una mossa, questa, che potrebbe aiutare a ridurre gli oneri finanziari del Bel Paese.

Nella sua intervista, il cancelliere tedesco ha poi sottolineato che tutti dovrebbero bilanciare le loro parole con attenzione per evitare un'ulteriore scossone al mercato. "La Germania - ha precisato - è assolutamente impegnata nella salvaguardia dell'euro", soprattutto perché il Paese ha beneficiato enormemente dalla moneta unica. "La priorità assoluta è quella di evitare un fallimento incontrollato, perché non riguarderebbe solo la Grecia, ma colpirebbe anche altri Paesi europei. E il rischio è molto grande". "La mia posizione è chiara - ha ribadito la Merkel - deve essere fatto tutto il possibile per mantenere unita politicamente la zona euro. In caso contrario l’effetto domino sarebbe inevitabile".

Incalzata dal giornalista circa la situazione in Grecia, la Merkel ha detto che la Grecia "si sta muovendo bene". "Il governo ellenico sta facendo tutto il possibile – ha detto – per adempiere le richieste dell'Unione Europea". La Merkel ha poi ribadito inoltre la stabilità della posizione tedesca all'interno della Banca Centrale Europea (BCE) e nulla è cambiato dopo la partenza di Juergen Stark, membro del consiglio esecutivo, attualmente sostituito dal vice ministro delle Finanze Joerg Asmussen.