Cronaca » Costume e Società » Costume

Miss Italia 2016 Regione Lazio, dietro le quinte di un sogno

Con la terza selezione Miss Italia 2016 Regione Lazio, Miss Colli Albani 2016, entra nel vivo la manifestazione che va componendo il numero di miss per la finale regionale Miss Lazio 2016, il prossimo 27 agosto a Montalto di Castro (VT)

» Costume Francesca Nanni - 15/05/2016
Titolo: Da sinistra: Daniela Romagnoli (Miss Cinema), Silvia Pucci (Miss Colli Albani 2016), Alice Sabatini (Miss Italia 2015) e Francesca Stagnì (Miss Rocchetta)
Fonte: Photo ©Valerio Tutto Flash Cosmi

L'atmosfera è strana, quasi surreale. Il temporale coglie un po' tutti di sorpresa. Fuori pioggia, vento e silenzio, all’interno un clima completamente opposto. Allegria, fermento, adrenalina sono le emozioni dominanti di 36 ragazze che, di lì a poco, sfileranno per la terza selezione Miss Italia 2016 Regione Lazio, Miss Colli Albani 2016, al Gran Hotel Helio Cabala di Marino (RM). Al termine della serata solo sei di loro passeranno il turno, di queste sei tre accederanno direttamente alla finale regionale Miss Lazio 2016, il prossimo 27 agosto a Montalto di Castro (VT). 

Manca circa un'ora e trenta all'inizio dell’evento e nella sala di preparazione, tra phon, piastre, spazzole e make-up, l’eccitazione è incontenibile; c'è chi entra e chi esce di continuo, chi si aggiusta il costume da sfilata, chi cerca chissà cosa nelle monumentali borse, chi trova svago nel cellulare, chi prova ad infilarsi un collant ma ci ripensa davanti al 'no' della direzione. Gli specchi del bagno vengono presi d’assalto…Selfie e 'whatsappini' a go go!

È un tourbillon incontenibile ma ordinato che alimenta e inebria i sogni e le speranze di queste trentasei ragazze, e delle tantissime altre concorrenti da nord a sud del Paese. Tra le ragazze, la Miss 2016 Alice Sabatini. Semplicissima e raggiante nel suo garbo. Come le concorrenti è anche lei al trucco, seduta in un angolo, senza clamore o eccessi. È la guest star di questa selezione, un supporto morale che fa la differenza. Presenterà la serata accanto alla splendida ed eterea Margherita Praticò, modella e affermata conduttrice di eventi. Un mix perfetto di bellezza ed eleganza alla quale si unisce il fascino di altre due ospiti-giurate, Miss Umbria 2015 Claudia Casciani e Miss Cinema Lazio 2015 Enrica Sabatini.


[Da sinistra: Yasmine Dkhili (Miss Tricologica), Chiara Tranquilli (Miss Interflora), Daniela Romagnoli (Miss Cinema), Silvia Pucci (Miss Colli Albani 2016), Alice Sabatini (Miss Italia 2015), Francesca Stagnì (Miss Rocchetta), Linda Carbonari (Miss Dermal Institute). Photo ©Valerio Tutto Flash Cosmi]

Al tavolo dell’organizzazione Mario Gori ed il suo staff della Delta Events procedono con gli ultimi preparativi per accogliere ospiti, giuria e sponsor. La macchina organizzativa preme sull’acceleratore. «Ragazzi pronti, dieci minuti!» Ci siamo. La sala grande è gremita di parenti e amici, la giuria presieduta dal fotografo di moda Piero Consoli è al suo posto, riflettori accesi, musica e…«Buonasera a tutti voi e benvenuti!» La selezione ha inizio. Due le sfilate, una in abito da sera, una in costume. Le ragazze si succedono una dietro l'altra, sorridono e giocano con il pubblico in attesa del verdetto.

Ed eccole le sei miss selezionate in ordine di classifica: 1. Silvia Pucci (Miss Colli Albani 2016), 2. Francesca Stagnì (Miss Rocchetta), 3. Daniela Romagnoli (Miss Cinema), 4.Yasmine Dkhili (Miss Tricologica), 5. Chiara Tranquilli (Miss Interflora), 6. Linda Carbonari (Miss Dermal Institute). Le prime tre accedono direttamente alla finale regionale Miss Lazio 2016. Così si chiude, ma solo per ora, una serata piena di emozioni: per molte la delusione di non essere passate ma la speranza di tentare nuovamente nelle altre selezioni in programma fino ad agosto. Per le sei vincitrici la gioia di un'esperienza unica. Per tutte, nel bene o nel male, un passo in avanti nel loro percorso di crescita personale. 

È così da quasi Ottant'anni, da quando questa manifestazione era una raccolta di fotografie sui giornali prima della guerra, per poi evolversi a concorso nel periodo del boom economico, fino a diventare oggi un fenomeno di costume specchio della società del nostro tempo. Un 'fatto sociale', saldamente ancorato all'immaginario collettivo perché racconta, in maniera semplice, la storia di ragazze comuni che per qualche giorno diventano star.