Cronaca » Italia » Cronaca Italia

'Benvenuti a EXPO 2015': così l'Italia si prepara ad accogliere turisti da tutto il mondo

Saranno circa 20 mln i visitatori attesi nei sei mesi dell'Esposizione Universale. In aiuto degli operatori turistici per conoscere meglio usi, abitudini e aspettative degli stranieri, è in arrivo il manuale della buona accoglienza. Ecco cos'è

» Cronaca Italia Francesca Nanni - 16/01/2015

Accogliere tutto  il mondo a Milano e non solo. Arriveranno in 2 milioni, da 140 paesi diversi, ad affollare l’immensa area espositiva dell’Expo del capoluogo lombardo, dal 1 maggio al 31 ottobre 2015. Si sparpaglieranno per i tantissimi eventi in programma, soggiornando a lungo nel Bel Paese magari anche per visitare le bellezze del nostro patrimonio culturale. Sono i turisti stranieri, un fiume in piena che investirà l’Italia e che, viste le previsioni, dovrà essere accolto e gestito nel migliore dei modi. Perché se è ben noto che nessun turista è mai uguale all'altro, questo sarà tanto più vero nel semestre di Expo il cui tema, lo ricordiamo, è ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’.

Ma quale sarà il comportamento del turista straniero che visiterà l'Esposizione Universale di Milano? Quanti giorni resterà in Italia? Dove dormirà? Sono queste le domande chiave che molti operatori turistici si pongono, o che dovrebbero porsi, in questi mesi per gestire al meglio il flusso turistico e beneficiare pienamente della grande opportunità offerta dall’Expo. Così, per cercare di aiutare chi lavora nel turismo a conoscere più da vicino gli usi, le abitudini e le aspettative dei visitatori in arrivo, Explora presenta il manuale della buona accoglienza ‘Benvenuti a Expo’.


[Particolare di una delle schede contenute nel Manuale di buona accoglienza]

Approfondire la conoscenza della loro cultura e del loro Paese d’origine è, dunque,
fondamentale per riceverli al meglio e invogliarli a tornare in Italia in futuro! Non solo perché, in quel periodo, i gli ospiti stranieri arriveranno da tutto il mondo, ma anche perché si tratterà di persone più attente ed informate che incarneranno alla perfezione le tendenze emergenti del viaggiatore cosmopolita contemporaneo: desiderio di servizi perfetti, proposte originali e soluzioni personalizzate. E non sarà solo il comportamento a mutare a seconda della provenienza e della cultura di ognuno, ma anche il periodo della sua visita. In particolare, mentre i visitatori italiani di Expo, stimati tra i 12 e 14 milioni, saranno concentrati nei week-end lunghi, nei fine settimana e nei giorni festivi in genere, gli stranieri (previsti tra i 6 e gli 8 milioni) visiteranno l'Esposizione durante la settimana lavorativa e nei periodi di lunghe vacanze, soprattutto estive.


[Particolare della copertina]

‘Benvenuti a Expo’ è un vero e proprio vademecum, in formato elettronico scaricabile sul sito
web di Explora al costo di 25,00 euro da tutti i partner, composto da ottanta pagine con schede dettagliate di 19 Paesi ritenuti strategici in termini di mercato e che hanno già manifestato notevole interesse per l’Expo, i profili sintetici di ogni paese e quelli del suo turista tipo, schede di approfondimento con informazioni su popolazione, lingua, religione ed evoluzione economica, descrizioni del turista tipo con “informazioni utili in breve” ed infine una sezione dedicata ai trend di viaggio di ogni turista. Lo stile del manuale è quello del web, conciso e pragmatico, con domande e risposte e utili box di approfondimento con curiosità e pillole di informazione che qualunque operatore turistico leggerà volentieri traendone importanti spunti per il suo lavoro.

Un esempio? Per il turista cinese è fondamentale il bollitore per il the in stanza; e guai a dargli la camera 4 perché ritenuto un numero sfortunato; poca esuberanza con i giapponesi; porzioni abbondanti e arredi di design per i brasiliani; ampie stanze agli arabi; non può mancare il parcheggio per i tedeschi, che amano venire in auto; menu vegetariani per gli indiani; dosi massicce di tecnologie per gli anglosassoni. ''Lo scopo del manuale - spiega il dg di Explora, Josep Ejarque - è di aiutare gli operatori del settore a costruire un'offerta turistica innovativa e personalizzata in grado di far fronte all'arrivo di milioni di turisti internazionali previsti nel 2015, facendo in modo che Milano e la Lombardia diventino destinazioni di successo''.