Scienze e Tecnologie » Medicina e Salute » Patologie

Diabete: nasce l'osservatorio per monitorare la malattia

Considerata una vera epidemia, la patologia sarà tenuta sotto controllo dall'Italian Barometer Diabetes Observatory, un progetto nato dall'impegno congiunto di organizzazioni di settore e l'Università Tor Vergata di Roma.

» Patologie Paola Simonetti - 24/03/2011

Il diabete [1] falcidia ogni anno 18mila italiani. Tre milioni i casi diagnosticati nel nostro Paese, pari al 4,9 per cento della popolazione, cui si aggiunge almeno un altro milione di malati inconsapevoli, stando alle stime delle Società scientifiche di diabetologia. Ogni anno 75mila persone con diabete vengono colpite da un infarto e 18mila da un ictus; 20mila vanno incontro a insufficienza renale cronica, 5mila patiscono l'amputazione degli arti inferiori e 18mila muoiono. Queste cifre sono sufficienti, secondo gli specialisti, per considerare la patologia una vera e propria pandemia da tenere sotto stretto controllo epidemiologico e scientifico. Proprio a questo scopo è stato stilato un accordo per la costituzione di un osservatorio, l'Italian Barometer Diabetes Observatory, nato dall'impegno congiunto dell'Associazione parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione [2], dell'Università Tor Vergata di Roma e di Diabete Italia, con il supporto non condizionato dell'azienda farmaceutica Novo Nordisk.

Il nuovo organismo dovrà monitorare la diffusione della patologia, ma anche valutare misure e strumenti più utili per combatterla, facendo leva proprio su una fotografica chiara e precisa della sua espansione. L'Osservatorio sarà ospitato a Villa Mondragone (Monte Porzio Catone, Roma), sede di rappresentanza dell'Ateneo romano. "L'accordo di programma firmato – ha spiegato Renato Lauro, rettore dell'università degli Studi di Roma Tor Vergata – ha una durata di 5 anni e promuove l'attuazione di un progetto nazionale nella lotta al diabete in Italia. Prevede, presso il nostro centro, l'istituzione di un tavolo di lavoro operativo – ovvero l'Italian Barometer Diabetes Observatory – per definire azioni, indicatori e strumenti di verifica utili alla realizzazione del progetto".

Obiettivi primari dell'accordo e dell'Osservatorio sono la pubblicazione di un Rapporto annuale sullo stato di attuazione delle politiche sanitarie, assistenziali e sociali per la prevenzione del diabete, la cui redazione e analisi dei dati è affidata al Consorzio Mario Negri Sud, la realizzazione di una roadmap sul diabete in grado di tracciare le priorità d'intervento nel nostro Paese, l'individuazione di campagne sociali di sensibilizzazione sulla prevenzione del diabete di tipo 2, la realizzazione di un workshop annuale nazionale e di workshop regionali per l'analisi e il monitoraggio della situazione del diabete in Italia.

"Il diabete – ha sottolineato Umberto Valentini, presidente di Diabete Italia - costituisce una sfida che solo operando uniti e in collaborazione tra Istituzioni, organizzazioni di volontariato e mondo scientifico è possibile vincere". Dal canto suo, Antonio Tomassini, presidente della Commissione Sanità del Senato e dell'Associazione parlamentare, ha sottolineato che "sin dalla sua nascita, nel 2008, l'organizzazione ha promosso interventi di carattere legislativo e politico con l'obiettivo di sollecitare Governo e Regioni all'adozione di provvedimenti che garantiscano al cittadino un diritto alla salute completo e uniforme sul territorio nazionale. Particolarmente importante il nostro impegno nell'ambito del diabete, per il quale questo accordo rappresenta solo l'ultima di una serie di iniziative tangibili".

Il nuovo progetto si inquadra bene nel programma internazionale Changing Diabetes Barometer, secondo Lorenzo Mastromonaco, vice presidente di Novo Nordisk Europe: "Un'azione che la nostra impresa sostiene economicamente in diversi Paesi, in collaborazione con tutte le organizzazioni sovranazionali e nazionali. Cambiare il modo in cui una malattia viene percepita dalla società e curata – ha concluso Mastromonaco - significa ridurne l'impatto e favorire il miglioramento della qualità della vita delle persone che ne sono colpite".

LINK 
Diabete Italia
- Università degli Studi Roma Tor Vergata

NOTE
[1] Che cos’è il diabete
[2] L’Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione Costituita nel 2008, ad essa hanno aderito fino ad oggi 80 Parlamentari, promuove il diritto alla prevenzione come una componente fondamentale volta a garantire nel nostro ordinamento l’applicazione del principio costituzionale del diritto alla salute. Promuove iniziative di carattere legislativo e politico al fine di sollecitare Governo e Regioni all’adozione di provvedimenti che possano garantire un diritto alla prevenzione completo ed uniforme sul territorio nazionale. Si propone di promuovere iniziative di prevenzione che possano contribuire ad un miglioramento dei livelli di assistenza ed a una riduzione dei costi del SSN.