Cultura e Spettacoli » Arte » Cronaca Arte

Colosseo: ecco i numeri del restauro firmato Della Valle

Scaduto il bando senza offerte di privati, sarà Tod's a finanziare gli interventi per l'Anfiteatro Flavio. Per il sindaco Alemanno: "La fine di un incubo", mentre l'imprenditore rassicura: "Non ci metterò sopra una scarpa". A marzo le gare di appalto.

» Cronaca Arte Piergiorgio Iacovazzo - 16/02/2011

"Tod's spa si impegna a finanziare la realizzazione del Piano degli Interventi mettendo a disposizione una somma in denaro omnicomprensiva pari a 25 milioni di euro. Il pagamento del contributo sarà erogato alle imprese appaltatrici sulla base degli stati di avanzamento lavori approvati dal Commissario delegato e dalla Soprintendenza". É quanto sancito dall'accordo firmato il 21 gennaio scorso a Roma dall'imprenditore fiorentino Della Valle per la Tod's da Anna Maria Moretti, Sovrintendente speciale e per i beni archeologici della Capitale e da Roberto Cecchi, Commissario dell'area archeologica di Roma e Ostia Antica. 

Un accordo importante arrivato quando nessuno se lo aspettava più e che per il sindaco di Roma Gianni Alemanno "segna la fine di un incubo". Il bando pubblicato per la ricerca di un partner, infatti, si era chiuso la scorsa estate senza nessuna offerta da parte di privati, enti, associazioni. Così Diego Della Valle, che in passato aveva offerto un primo sostegno con 5 milioni di euro poi non accettati poichè insuffcienti, si è fatto avanti con una sponsorizzazione più ampia che prevede un finanziamento progressivo dei fondi per il restauro in base all'avanzamento dei lavori degli otto gli settori di lavoro (come riportato dalla tabella sottostante). 

         
         [Fonte: MiBac]

MODALITA' DI FINANZIAMENTO. Il finanziamento verrà erogato direttamente alle aziende appaltatrici in una o più fideiussioni, dallo sponsor o anche dalla fondazione senza scopo di lucro di imminente costituzione, 'Amici del Colosseo'. Come previsto ogni  responsabilità in relazione all'assegnazione e realizzazione dei lavori e alla selezione delle imprese appaltatrici. Di questi vantaggi contrattuali l'azienda beneficerà fino a due anni dopo la conclusione dei lavori. Le funzioni di direzione scientifica e di vigilanza su tutte le attività relative agli interventi saranno assunte, invece, dalla Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma. 

A MARZO LE GARE D'APPALTO. Dal momento che i progetti preliminari sono stati già approvati, per i primi tre interventi il ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBac) ha intenzione di trovare le aziende appaltatrici entro marzo, mentre per gli altri si è ancora in fase di calendarizzazione. L'anfiteatro rimarrà comunque aperto durante la fase dei lavori, che dovrebbero durare dai due ai tre anni. "I lavori - spiega il Commissario dell'area archeologica di Roma e Ostia Antica, Roberto Cecchi - si svolgeranno in quattro fasi, iniziando dal prospetto, passando poi agli interni, agli impianti e infine alla realizzazione del tanto auspicato centro servizi".

LE POLEMICHE SUI PANNELLI PUBBLICITARI. "Non metterò una scarpa Tod's sul Colosseo, finanzio il restauro non perché voglio un ritorno ma perché sono orgoglioso di farlo": risponde così Diego Della Valle alle polemiche sui pannelli pubblicitari che compaiono spesso sulle impalcature di edifici in ristrutturazione. "Non ci saranno cartelloni pubblicitari sul monumento, ma solo dei pannelli alla base alti circa due metri", conferma il Commissario dell'area archeologica di Roma e Ostia Antica, Roberto Cecchi. "Il Colosseo - aggiunge Della Valle - è uno dei grandi monumenti che rappresentano l'Italia nel mondo e sarà restaurato grazie al contributo di un'azienda che a sua volta rappresenta il Made in Italy". "Vorrei non essere - ha proseguito - un esempio unico e spero che altri imprenditori facciano altrettanto. Anzi, sono sicuro che riusciremo a coinvolgere altri privati in imprese come questa".

L'ASSOCIAZIONE 'AMICI DEL COLOSSEO'. É un'associazione senza fini di lucro, costituita appositamente per il restauro dell'Anfiteatro Flavio, attraverso al quale Tod's s.p.a. promuovere e pubblicizzare, a livello nazionale e internazionale, il progetto di restauro quale simbolo del patrimonio artistico italiano nel mondo. Inoltre, per rendere il Colosseo sempre più accessibile a giovani, diversamente abili, pensionati e lavoratori, negli spazi adiacenti l'anfiteatro, verrà realizzato un apposito centro per favorire l'accesso al monumento delle categorie che l'associazione intende tutelare, con un'area attrezzata per accogliere la stampa internazionale. Dal punto di vista dei materiali e la documentazione illustrativa prodotti durante i lavori di restauro, Tod's potrà utilizzarli sia all'interno dei propri spazi, sia nel sito internet. L'esclusiva concessa allo sponsor durerà dall'inizio dei lavori fino ai due anni successivi la loro conclusione, mentre l'associazione 'Amici del Colosseo' avrà una durata di 15 anni

IL SINDACO DI ROMA ALEMANNO. "Questo grande regalo che Diego Della Valle fa al Paese - ha spiegato il primo cittadino in conferenza stampa - rappresenta un fatto eccezionale. L'Italia creativa del futuro che tende la mano all'Italia del passato attraverso un segnale di trend possibile, quello delle imprese che intervengono per responsabilità civile".

MATERIALI
- Immagini dei progetti di restauro e la stima del loro importo (Fonte: MiBac)
- Rassegna Stampa sull'accordo per il restauro del Colosseo (24 gennaio 2011, Fonte: MiBac)