Cultura e Spettacoli » Spettacoli » Musica

Da Bob Sinclar a David Guetta, il French Touch monopolizza la dance music

La consacrazione con i Grammy Awards 2010, i dj d'oltralpe sostituiscono quelli tedeschi inglesi e italiani che hanno dominato le piste dagli anni '80. Ritmo, grandi voci e un ritorno alla melodia i segreti di questo successo.

» Musica Gianluca Colletta - 14/10/2010
Titolo: Bob Sinclar
Fonte: Immagine dal web

Lo chiamano French Touch, il tocco francese, e negli ultimi anni sta imperversando nelle discoteche e nei Rave party di tutta Europa. La consacrazione è arrivata con i Grammy Awards 2010 dove la musica dance d'oltralpe ha ottenuto il prestigioso riconoscimento con il dj David Guetta, che ha vinto per il remix electro di "When Love Takes Over", e i Phoenix, per il miglior album di musica alternativa con Wolfgang Amadeus Phoenix. 

Ritmo, grandi voci e un ritorno alla melodia i segreti di un successo che i dj francesi hanno saputo interpretare per primi e nel migliore dei modi. Così la musica house ha saputo ritornare alle origini garantendo il successo ad una nuova generazione di dominatori delle consolle. Non solo dj, ma anche produttori discografici e cinematografici hanno contribuito all'affermazione di questa nuova tendenza. Il duo parigino dei Daft Punk, formato da  Guy-Manuel de Homem-Christo e Thomas Bangalter, è stato addirittura chiamato dalla Disney per realizzare la colonna sonora del secondo episodio di Tron, film in uscita nel 2011. 

Il ruolo di trascinatore spetta a Bob Sinclair, al secolo Christophe Le Friant, capace di imporsi nelle classifiche, sulle piste delle discoteche, dove migliaia di persone impazziscono quando sentono passare le sue canzoni, nelle radio fin dentro le case, grazie soprattutto alla pubblicità e alla sua canzone 'Love Generation', che è stata scelta come colonna sonora dei Mondiali di calcio di Germania 2006. Produttore e musicista dj, Sinclar non è però il solo. Insieme a lui nomi come Etienne de Crécy, considerato il fondatore del French Touch, Mr. Oizo, Cassius, Benjamin Diamond e Modjo. E anche molte etichette sono nate sotto questa spinta, basti pensare alla casa discografica di Thomas Bangalter 'Roulé', mentre i Daft Punk hanno creato la 'Daft Crew', un'agenzia che ha lo scopo di scovare i disk jockey più quotati del momento ed organizzare serate nei più prestigiosi locali dance del pianeta. 


[Bob Sinclair e David Guetta]

Il French Touch è nato verso la fine dello scorso millennio, ma solo nella seconda metà dell'ultimo decennio è esplosa in tutta la sua potenza. Nelle consolle i dj francesi hanno lentamente sostituito tedeschi, italiani e inglesi che dagli anni '80 avevano monopolizzato le piste delle discoteche di mezzo mondo. Gabry Ponte, Prezioso feat. Marvin, Eiffel 65, ma soprattutto Gigi D'Agostino sono stati per lungo tempo, dalla metà degli anni '90 fino ai primi anni del 2000, i nomi di punta della dance italiana. Invidiati nel mondo e spesso imitati, remixavano successi e creavano hit ballabili, ma completamente diversi dalla house che li ha sostituiti. Ora però è tempo di French Touch.