Cronaca » Costume e Società » Costume

Lingua italiana: la scuola salverà 50 parole

Il VI premio di scrittura Zanichelli, affida a insegnanti e studenti, il compito di selezionare i termini da non perdere. I docenti voteranno tra 200 voci, gli alunni dovranno sceglierne 10 per il loro elaborato, pensando al loro significato tra 30 anni.

» Costume Valentina Marsella - 19/10/2009

Il destino di cinquanta parole della lingua italiana è in mano alla scuola. Il sesto Premio di scrittura Zanichelli 2009-2010, ha infatti affidato a insegnanti e studenti, l'importante compito di non far finire nel dimenticatoio 50 vocaboli, una goccia nel mare nei 2800 termini considerati dallo Zingarelli 2010 "da salvare". La scelta però, non dovrà avvenire tra così tante parole: la Zanichelli ne ha appositamente selezionate duecento, che dovranno prima essere votate dagli insegnanti, chiamati a svolgere sul campo la professione 'regina' nella diffusione della cultura e della conoscenza.

Poi toccherà agli alunni delle scuole medie e superiori, che entreranno nella fase clou del premio: la scrittura. Gli studenti dovranno selezionare 10 delle cinquanta voci da inserire nell'elaborato con cui parteciperanno al premio Salva Parola. Docenti e studenti in una corsa contro il tempo, dovranno contribuire al salvataggio di quei termini che appaiano loro irrinunciabili. Vocaboli come 'angusto', 'ameno', 'bailamme', 'ciarpame', poco pronunciate nel linguaggio corrente, ma ricche di sfumature significative.

Tra le espressioni da non perdere, figurano anche aggettivi come 'consono', 'contrito', o verbi come 'dileggiare', 'ciangottare'. O voci onomatopeiche come 'farragine', 'facondia', 'ghirigoro','ghiribizzo' e 'ondivago'. Ma anche termini utilizzati più frequentemente, come 'sfizio', 'stratagemma' o 'tedio' potrebbero rischiare di andare in estinzione. La prima fase votazione degli insegnati è già iniziata lo scorso primo settembre e terminerà il prossimo 25 ottobre.

Una possibilità che è stata data ai docenti di tutte le materie, "perché le parole della lingua italiana - si spiega nella presentazione del premio di scrittura - hanno una valenza lessicale che investe tutte le discipline". I professori, oltre a fare la propria scelta tra vocaboli come 'periglio' o 'piaggeria', votando sul sito, potranno lasciare messaggi, commenti e motivazioni, in uno spazio di riflessione appositamente creato per loro. Di questi resterà testimonianza nelle pagine dell'Osservatorio della lingua italiana, la nuova rubrica online dello Zingarelli che riflette sulle tendenze in atto della nostra lingua.

Dopo che gli insegnanti avranno espresso le proprie preferenze, saranno i ragazzi ad entrare in gioco. Dal prossimo 3 novembre, fino al 28 febbraio 2010, sul sito web del concorso, gli studenti troveranno le parole vincitrici della sfida. Ogni studente ne sceglierà dieci per inserirle nell'elaborato di partecipazione. "Chiediamo agli studenti di oggi - si legge ancora nella presentazione del premio - di proiettarsi in un futuro 'abbastanza' prossimo, dai 20 ai 30 anni, immaginando il ruolo che potrebbero ancora avere, magari con nuovi significati, le parole salvate oggi". 

Gli studenti, come sempre guidati dai loro maestri, potranno partecipare con un testo libero, di pura fantasia, un racconto, un articolo, un'intervista, una poesia, un fumetto, una canzone o, quest'anno, anche con un breve video. L'importante è che ovunque venga evidenziata la top ten dei termini utilizzati. Ma dietro al premio di scrittura c'è di più, un'iniziativa di solidarietà: a nome di ognuno dei cinque premiati sarà inviato un pacco dono di opere Zanichelli ad associazioni Ong, Onlus, in omaggio e senza alcuna spesa per gli istituti a cui andranno devoluti. La proclamazione dei vincitori avverrà nel corso del 'Salone Internazionale del Libro', che si terrà a Torino dal 6 al 10 maggio 2010, attraverso collegamenti video.

Anche il premio di scrittura Zanichelli, giunto oggi alla sua sesta edizione, dunque,  è stato coinvolto nell'opera di salvataggio di una 'miriade' di termini da non perdere, lanciata dallo Zingarelli 2010. Un modo per rendere partecipe anche il mondo della scuola, dove l'insegnamento della lingua italiana riveste un ruolo fondamentale, mobilitando i giovani alla scoperta del significato di termini che non conoscono, pur sentendoli spesso pronunciare.

In questa direzione era andata la prima edizione del premio di scrittura (2004-2005), intitolata Dietro le Parole. In quel caso gli studenti si erano trovati di fronte parole di uso comune come 'boria', 'evadere' o 'letto', altre meno, come 'protervo' o 'uggioso' o degli anglicismi, da 'concept store' a 'location'. Per comprenderne bene il significato, era necessario consultare il dizionario. Proprio in questo sta il senso del concorso: far scoprire ai ragazzi i vantaggi, l'importanza e il piacere dell'uso del vocabolario. Sì, quel tomo di migliaia di pagine con migliaia di parole tutte da scoprire. 


QUESTE LE 200 PAROLE SELEZIONATE DA ZANICHELLI PER IL CONCORSO

1 abominio 43 coartare 85 greve 128 periglio 170 smagliante
2 accozzaglia 44 cocciuto 86 grinta 129 pervicace 171 smargiasso
3 adunco 45 colluvie 87 groviglio 130 piaggeria 172 solerte
4 adusare 46 concento 88 iattanza 131 pimpante 173 solluchero
5 aggeggio 47 consono 89 inane 132 presago 174 sororale
6 agiato 48 contrito 90 incline 133 pretto 175 sozzo
7 agognare 49 corrivo 91 indole 134 proclive 176 sparuto
8 alacre 50 corrusco 92 indugio 135 prole 177 specioso
9 albagia 51 creanza 93 ineffabile 136 prono 178 spifferare
10 ameno 52 culmine 94 intemerato 137 proselito 179 spocchia
11 ancella 53 dappoco 95 intonso 138 protervia 180 stantio
12 angusto 54 desto 96 intrudere 139 pugnace 181 stilla
13 ansima 55 dileggiare 97 invero 140 querulo 182 stolido
14 appetire 56 discettare 98 inviso 141 rabbuffo 183 strale
15 apprestare 57 disdoro 99 iosa 142 raffermo 184 stratagemma
16 aprico 58 disputa 100 irto 143 rasposo 185 stucchevole
17 arduo 59 dovizia 102 lauto 144 reboante 186 taccagno
18 arridere 60 duttile 103 lena 145 recondito 187 tampoco
19 artefice 61 ebbro 104 lezzo 146 repentino 188 tedio
20 atro 62 edule 105 madido 147 rimbrottare 189 terso
21 aulente 63 egida 106 magagna 148 riottoso 190 tetro
22 avo 64 eloquio 107 malandrino 149 roco 191 tinnire
23 azzimare 65 emulo 108 melenso 150 rorido 192 tiritera
24 bailamme 66 esalare 109 mendace 151 rutilante 193 titillare
25 becero 67 esimio 110 miro 152 ruzzare 194 tonfo
26 bislacco 68 facondia 111 mogio 153 sagace 195 tralignare
27 bizza 69 farragine 112 molcere 154 salamelecco 196 tumido
28 blando 70 fisima 113 mota 155 saltuario 197 ubbia
29 blaterare 71 flebile 114 nefando 156 sativo 198 uggioso
30 brama 72 flutto 115 nembo 157 sbilenco 199 vaghezza
31 burbanza 73 forbito 116 nolente 158 scabro 200 vegeto
32 calepino 74 fragranza 117 oblio 159 scaramuccia 201 venale
33 callido 75 frizzo 118 occaso 160 scialo 202 verecondo
34 canea 76 fronzolo 119 olezzo 161 sciapo 203 vespertino
35 canuto 77 frugolo 120 ondivago 162 scipito 204 vessare
36 caterva 78 furtivo 121 onusto 163 screzio 205 vindice
37 cavillo 79 futile 122 opimo 164 scurrile 206 vizzo
38 celia 80 ghiotto 123 orpello 165 serafico 207 zotico
39 ceruleo 81 ghiribizzo 124 pacare 166 serto    
40 ciangottare 82 ghirigoro 125 panacea 167 sfizio    
41 ciarpame 83 giubilo 126 pavore 168 sgargiante    
42 clangore 84 giulivo 127 pencolare 169 silente    


LINK
- Premio di scrittura Zanichelli "Salva Parola" 2009-2010